giornata della lingua inglese

“Rispettano la libertà del cittadino e ti invitano a stare a casa”

Sappiamo che gli inglesi sono pragmatici e gli italiani impulsivi e emotivi e li capisco come italiano. Adesso forse comprendiamo cosa intendeva Boris J, quando disse “ preparatevi a vedere morire i vostri cari” gli Inglesi avevano già capito ma aspettavano i numeri per procedere e quando i numeri ci sono stati hanno adottato anche loro le misure restrittive come in Italia. Qui tuttavia rispettano la libertà del cittadino e ti invitano a stare a casa ma non ti obbligano. Credo che oltre che invitare a stare a casa bisogna arrivarsi e fare per combattere l’energenza.
 
Anche qui la situazione è più restrittiva e quindi si vede molta meno gente in giro . Di fatto qui noi possiamo uscire per fare la spesa , farmacia, sport e andare a lavoro se non puoi lavorare da casa altrimenti, Stay at home!
 
Ho scelto di vivere in UK e quindi nel bene e nel male. Ho scelto di rimanere anche in un momento difficile pur avendo i miei familiari in Italia . Non giudico i 5000 italiani che sono scappati quando si avverte un momento di difficoltà e ritornare in UK quanto tutto e finito. Siamo tutti bravi a riempirci la bocca di Vivere a Londra o in UK quando va tutto bene.
 
Fortunatamente in questo periodo contigente , No! Non ho avuto bisogno . Ma ho amici che lavorano in NHS ed il lavoro che stanno affrontando e’ tantissimo e UK ha già fronteggiato l’emergenza con la costruzione di nuovi ospedali di supporto e nuovi posti letto .
 
Fortunatamente posso lavorare da casa e la mia azienda ci permette di farlo supportandoci quotidianamente.

Rispondi

Torna su