Da ottobre 2019 ritorna il musical Mary Poppins al Prince Edward Theatre, lo stesso teatro dove era la produzione precedente nel 2004.

Tutti dovrebbero conoscere la storia della supertata Mary Poppins e le canzoni del musical/film quindi non bisogna fare tante introduzioni.

Si tratta dell’ennesimo musical tratto da film di Walt Disney in scena al West End. Abbiamo sempre The Lion King e Aladdin, per il momento.

Questa edizione di Mary Poppins vede Charlie Stemp come Bert e dopo 20 anni di assenza dai palcoscenico torna Petula Clark nella parte della donna che da il cibo agli uccelli, la parte che canta la canzone “Feed the Birds”. La londinese Zizi Strallen avrà la parte di Mary Poppins.

Vendita biglietti

Potete prenotare i biglietti fin da ora e i biglietti sono da £18 che per un musical londinese non è un prezzo alto.

Il musical continuerà almeno fino alla fine di marzo 2020.

Altre notizie da Londra e la Gran Bretagna

Conviene andare da un career consultant?

Ogni tanto qualcuno ci chiede se vale la pena pagare un career consultant o coach per trovare lavoro nel Regno Unito. La risposta varia molto, per la maggioranza dei casi la ricerca sul proprio settore, la preparazione del CV e il networking può essere tranquillamente fatto dall’individuo senza bisogno di terzi. Andare a cercare informazioni […]

2 comments

Frozen il musical arriverà a Londra

Un altro musical tratto da un film di Disney arriverà a Londra e questa volta si tratta di Frozen. Tra i film animati è quello in assoluto che ha avuto più successo e quindi non è certo una sorpresa se è stata fatta nel 2018 una versione musical a Broadway a New York. Questo musical […]

0 comments

La storia dei rifugi dei tassisti a Londra

Nel 1800 quando i taxi erano ancora carrozze a cavallo, esisteva l’obbligo di avere qualcuno sempre a controllare il taxi, anche quando fermo. Questo significava che era molto difficile per un tassista fermarsi per mangiare o bere. Non erano i tempi dello street food e dei take away, quindi entrare in un pub per mangiare significava […]

0 comments

Commenta

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.