Si, dopo aver visto centinaia e centinaia di CV di italiani (normalmente ancora in Italia o da poco in UK) sappiamo perchè molti di voi non ricevono risposte.

writingMolti di questi errori sono stati elencati anche nell’articolo 15 errori che fanno gli italiani quando inviano il CV per email e comunque ne abbiamo parlato fino alla noia in tutto il sito. E non siamo solo noi, qualsiasi sito di lavoro britannico (o americano) darà gli stessi consigli. Se cercate lavoro in un paese straniero cercare di capire come si deve fare, è veramente il minimo. 

Modello CV per lavorare come receptionist

The Essential CV Writing Book: Write a CV and Cover Letter That Wins Interviews 

Comunque per riassumere gli errori più comuni sono:

  • usare il formato Europass CHE NON SI USA NEL REGNO UNITO. Sappiamo di tanti recruiters che lo cestinano immediatamente perchè a) non dice niente b) dimostra che il candidato non si è preso la briga di informarsi su come cercare lavoro. E chi vuole assumere una persona pigra?  Si, ci saranno lavori umili che se ne fregano che CV avete, ma quando vediamo persone che cercano lavoro nel digital marketing o nella finanza con un Europass, ci cascano letteralmente le braccia.
  • fare domanda per un posto di lavoro e non mettere in evidenza che avete l’esperienza richiesta. Abbiamo recentemente ricevuto candidature per un lavoro di digital marketing/social media che chiedeva esperienza di un certo tipo. Abbiamo ricevuto CV in formato europeo, senza cover letter, senza una riga nell’email. Nel CV non era elencata nessuna esperienza di lavoro che potesse essere di social media. Almeno a prima vista, ma se non specificato, nessuno si mette ad indovinare.
  • fare domanda a caso. Abbiamo ricevuto CV per lavoro che chiedeva esperienza specifica (ricerche di mercato, programmazione Java,  digital marketing, nanny di professione con esperienza di neonati) che non avevano nessuna esperienza in questo campo. I CV erano tutti Europass comunque che appunto rendono la vita difficile, ma da quello che si capiva queste persone avevano esperienze completamente diverse da quella richiesta. Sottolineo completamente. Ora, se fate domanda per diventare chirurgo toracico e avete solo lavorato come panettiere, non potete credere di avere un colloquio. Really.
  • dare l’impressione che state facendo domanda a caso. Si capisce dalla mancanza di cover letter o da una cover letter che sembra una letterina a Babbo Natale. Nella cover letter dovete spiegare come mai siete la persona giusta per QUEL LAVORO, non uno qualsiasi.  Cercate di usare transferable skills e non solo quelli caratteriali che sinceramente danno un’impressione veramente poco professionale.  Leggete anche Guida su come fare un curriculum vitae in inglese
  • Non fate il CV come vostro cugino, usate il formato che funziona meglio per voi. Certe persone dovrebbero avere uno skill based e non cronologico. Guardatevi attorno, spesso non ha il colloquio il migliore, ma quello che si presenta e si vende meglio.

Altri articoli sul lavoro

“Con la Brexit alle porte poi..tira una brutta aria”

Quando sei venuto/a a Londra/Regno Unito? 3 anni fa Come hai cercato una sistemazione fissa e hai avuto problemi? Truffato da un agenzia…..ora dormo sul divano di un conoscente Come hai cercato lavoro? Su internet Quanto tempo ci hai messo a trovare il tuo primo lavoro? 2 MESI Che tipo di esperienza di lavoro o […]

0 comments
porta a porta

Funziona cercare lavoro col porta a porta?

Questo è un altro punto importante che ribadiamo da molto tempo.  Da anni gira la voce che per cercare lavoro a Londra basta girare col proprio cv, entrare nei negozi, ristoranti e pubs e consegnarlo. Come abbiamo anche spiegato in altri articoli, questo metodo non funziona sempre bene e qua riassumiamo i motivi. Ora molte […]

6 comments

Come funziona la legge del lavoro nel Regno Unito

La legge del lavoro nel Regno Unito si divide in due parti principali: quella contrattuale e quella legislativa chiamata statutory. Tutti i lavoratori hanno diritto a un supporto legale e l’eventuale denuncia del proprio datore di lavoro, se i propri diritti non vengono rispettati. Da notare che molte leggi provengono dalla European Work Directive del […]

12 comments