Savile Row a Londra, una piccola via che ha influenzato il mondo

Tabella dei Contenuti

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su pinterest
Pinterest

Savile Row, fondata nel 1695 nel giardino di Burlington House che ora è la Royal Academy, prende il nome da Lady Dorothy Savile, moglie del terzo conte di Burlington. Ha avuto un’importanza enorme per la moda e il costume non solo nel Regno Unito.

A partire dal 1806 con il patrocinio del dandy della società Beau Brummell e del principe reggente che divenne il re Giorgio IV, che erano allora i principali edonisti di Londra, facendo diventare famosi i sarti di questa via

Negli anni ’30, Kilgour, French e Stanbury al n. 8 di Savile Row crearono il vestito di Fred Astaire per il film Top Hat, e quindi diventarono famosi anche tra i grandi di Hollywood. Cary Grant, Bing Crosby e Frank Sinatra indossavano abiti di Savile Row.

Nel 1948, i sarti di Savile Row lanciarono la moda del “Teddy Boy”, che includeva colletti di velluto, gilet e pantaloni stretti. Molti adolescenti delinquenti della classe operaia hanno adottarono il look, cosa che piacque poco ai signori che normalmente frequentavano i negozi della via.

I Beatles fondarono Apple Corps al n. 3 nel 1968, dopo aver acquistato i loro abiti da Tommy Nutter’s House of Nutter al numero 35. Suonarono sul tetto del numero 3 il 3 gennaio 1969 per l’ultima volta.

Tommy Nutter scandalizzò i sarti convenzionali di Savile Row nel 1968 quando aprì il suo negozio House of Nutter qui con l’aiuto di Cilla Black. Ovviamente non era convenzionale.

Al 30 si trova Anderson e Sheppard, che sono i sarti che fanno i vestiti per il Principe Carlo.

savile row a londra

Numero 27 Savile Row Durante la seconda guerra mondiale, lo Special Operations Executive (SOE) dell’agenzia segreta britannica era basata nel sottoscala della stazione di polizia che si trovava qui.


Al numero 15 si trovava Henry Poole, per un periodo il più importante sarto del mondo. Infatti faceva i vestiti per i Rothschild e la regina Vittoria. Inventò lo smoking, che in inglese si chiama tuxedo, quando fece una giacca per il principe del Galles da indossare a Sandringham. Un americano, un certo James Potter di Tuxedo Park la vide e ne chiese una uguale da portare negli Stati Uniti. All’inizio del 1900 il negozio aveva 300 sarti.

Al numero 1 si trova Gieves and Hawkes, erano i sarti del re Giorgio III ma sono anche famosi per i costumi di certi film e per avere fornito l’equipaggiamento per i climi tropicali per gli esploratori Stanley e Livingstone.

Come hai potuto vedere sono successe tante cose in questa piccola via.

close

🕶 Rilassati!

Iscriviti per ricevere le nostre ultime notizie direttamente nella tua casella di posta.

Non ti invieremo mai spam né condivideremo il tuo indirizzo email.
Scopri di più nella nostra Informativa sulla privacy.

Torna su