Museo delle Scienze di Londra (Science Museum)

Dal 19 maggio 2021 riapre anche dopo la chiusura di oltre quattro mesi il famoso Science Museum o Museo delle Scienze di Londra. Sarà necessario seguire i percorsi pre-fissati e prenotare un biglietto online prima di arrivare. I biglietti online sono gratuiti, ma non faranno entrare senza. Potete andare sul sito web ufficiale per prenotare. 

Il museo delle Scienze di Londra si trova a South Kensington a Exhibition Road, facilmente raggiungibile dalla fermata della metropolitana omonima tramite un sottopassaggio o potete seguire la folla in superficie. Si trova accanto al Natural History Museum e il Victoria & Albert Museum in un edificio creato apposta.

Fondato nel 1857 in seguito alla passione per le scienze e tecnologia creata dalla Great Exhibition del 1851, il Science Museum fu parte parte del Victoria & Albert Museum fino al 1909.

Una breve storia del Museo delle Scienze di Londra

Il principe Albert , marito della regina Vittoria e appassionato di tecnologia e scienza, fece aquistare qui il terreno per creare un’area per l’istruzione, il cui scopo era di “estendere l’influenza della scienza e dell’arte sull’industria produttiva”. Albert morì di tifo nel 1861 all’età di soli 42 anni, e non fu in grado di vedere la realizzazione del suo sogno. Ma non per niente questa zona di Londra è stata a volte chiamata “Albertopolis”.

Nel 1928 si spostò nella sede odierna costruita dall’architetto Sir Richard Allison che voleva imitare un department store del tempo. Doveva essere una parte di un progetto più grande mai realizzato. Il museo ora ha 7 piani.

Museo delle Scienze di Londra

Il Science Museum ha quasi 3 milioni e mezzo di visitatori l’anno e come tanti musei londinesi è gratuito dal 2001, almeno per il momento. Molte mostre temporanee sono invece a pagamento.

È gemellato con il museo delle scienze di Manchester dal 2012

Le prime gallerie per bambini aprirono nel 1931, questo significò che il museo non si vedeva più come un ente per persone specializzate e scienziati come era all’inizio, ma un punto di riferimento per le persone ordinarie, inclusi i bambini

Per vedere bene tutto il museo dovrete dedicarci almeno due giorni soprattutto se vi fermate molto alle installazioni interattive. 

Il museo contiene oltre 300 mila oggetti e pezzi principalmente dalla rivoluzione industriale fino ad ora.

Cosa potete vedere al Science Museum di Londra?

Solo in anni recenti il museo ha cominciato ad organizzare collezioni che si basano su un tema solo. Prima tendeva ad essere un po’ confuso anche se c’erano sezioni dedicati a rami precisi della tecnologia.

Il museo è in continuo cambiamento e troverete che certe parti sono temporaneamente chiuse al pubblico. Sicuramente ci trovate tantissimo da vedere

Al piano rialzato si trova Exploring Space dedicato allo spazio ed esplorazioni spaziali, qui potete vedere una replica dell’Apollo 11 che portò i primi uomini sulla luna. Non parla solo di esplorazione spaziale recente, si sofferma anche su tentativi e idee dei secoli passati.

Sempre al piano rialzato del Science Museum di Londra potete anche visitare la Energy Hall con uno dei primi motori mai costruiti, questo del 1788 di James Watts e anche un mulino Burnley ancora funzionante. James Watts ha una sezione importante, dopotutto lo scienziato scozzese ha contribuito in maniera determinante a creare la rivoluzione industriale.

Potrete poi vedere Making the Modern World che mostra invenzioni importanti per fare il mondo di ora nell’Information Age. Troverere Puffing Billy la più vecchia locomotiva a vapore ancora esistente. E anche il Robert Stevenson Rocket che portava i passeggeri da Manchester a Liverpool nel 1829. Se alzate la testa vedrete anche una serie di importanti aerei appesi al soffitto. Sullo stesso piano trovate anche l’ingresso del cinema IMAX.

La sezione Who Am I?  nvita a esplorare la scienza di chi siamo usando oggetti intriganti, opere d’arte provocatorie e cose interattive. Trasformate il vostro viso per vedere come apparirete invecchiando o raccogletei il DNA per catturare un criminale nelle nuovissime mostre interattive.

Tante cose diverse su diversi piani a Museo delle Scienze di Londra

Al primo piano trovate Challenge of Materials che esplora come l’uomo ha imparato ad usare i materiali, Measuring Time la storia di come abbiamo misurato il tempo, dalle meridiane agli orologi moderni. Segue anche una specie di storia dell’agricoltura moderna, interessante e solitamente non la guarda quasi mai nessuno.

Al secondo piano trovate un reparto chiamato Atmosphere una galleria costruita per rappresentare il clima della terra. Computing invece presenta una breve storia dell’informatica dai primi computer enormi ai giorni nostri.

Se volete vedere gli aeroplani potete andare direttamente al terzo piano, qui vedrete alcuni aeroplani famosi, originali o repliche e oltre 100 modelli di aerei.

Science Museum di Londra

Potete anche andare nella Wellcome Wing dedicata principalmente al corpo umano e la storia delle scienze mediche. Ha molte parti interattive che piaceranno molto ai bambini. Potete solo raggiungere la Wellcome Gallery dal piano terra o dal terzo piano.

Al terzo piano trovate anche una galleria interattiva per i bambini dagli 8 ai 14 anni chiamata Wonderlab. Attenzione questa galleria è a pagamento. Ricco di attività interattive, bambini e adulti si divertono molto a provare diverse meraviglie della scienza come il magnetismo o il suono. Se questo non basta trovate anche la Fly Zone, simulatori di volo e un’esperienza di realtà virtuale forniscono le sensazioni di diversi tipi di volo. Per coloro che hanno almeno 12 anni trovate anche altri esempi di virtual reality a pagamento come Space Descent VR , Typhoon Force, Fly 360 ° oppure Red Arrows 3D. Nel museo si trova anche il Dana Centre che sarebbe una biblioteca ed archivio tecnico e scientifico, uno dei maggiori del Regno Unito. 

Occorrono almeno due giorni per visitare bene al Museo delle Scienze di Londra

Nel seminterrato si trova invece un’esplorazione sulla storia della casa e sugli oggetti domestici che usiamo tutti i giorni, ma forse non sappiamo da dove arrivano e come funzionano. Si chiama The Secret Life of the Home. Vedrete alcuni prodotti casalinghi che magari avrete visto a casa dei nonni.

Trovate mappe all’ingresso del museo o potete scaricarla dal sito ufficiale. Il Museo delle Scienze spesso ospita mostre temporanee che possono essere a pagamento.

Ci sono tre coffee shop e un ristorante ma se avete il vostro cibo potete recarvi nell’area apposta per i picnic che si trova al Wildlife Garden. Quest’ultimo è aperto solo dal aprile ad ottobre.

Leggi anche:

Arsenico nella carta di parati, come si moriva nel 1800(Si apre in una nuova scheda del browser)

  • Londra, i lavoratori che non possono permettersi una casa
    Sky News ha oggi mostrato un breve filmato sui senzatetto che lavorano. A quanto pare sono 75 mila i lavoratori nel Regno Unito che non riescono ad avere un tetto.  Il problema di molti è che prendono troppo poco per risparmiare i soldi per un deposito e un mese di caparra.  Gli enti di beneficenza per i senzatetto affermano che la demografia sta cambiando. Una volta i senzatetto erano principalmente persone con problemi di salute mentale e/o dipendenze.  Mentre ora dormono per strada anche persone che sono in grado di lavorare ma che non possono permettersi un tetto. Ora con la […]
  • I gabbiani ubriachi seminano il terrore a Liverpool
      I gabbiani sono un problema in tante città costiere dell’Inghilterra, rubano i gelati o le patatine a chi passeggia per i lungomari, si avventurano anche nei negozi e rubano merce. Un paio di anni fa rapirono anche un chihuahua da un giardino o attaccato un bambino dopo aver ucciso il suo cane. Non tutti amano i gabbiani quindi anche per il rumore che fanno al mattino presto e come imbrattano le auto di escrementi. , A Liverpool però sono in questi giorni anche peggio del solito e sembrano ubriachi. Esiste un motivo per questo strano comportamento, no, non hanno […]
Laura S Ambir
A Londra dal 1984, ha lavorato in diversi settori dal marketing al recruitment. Ha anche esperienza del settore sanitario, public health e social care. Coinvolta in commissioni e dibattiti del parlamento britannico. Qualificata per insegnare inglese come seconda lingua a stranieri.

Commenta

You may also like

More in Londra