Visita Buckland Abbey nel Devon

Buckland Abbey

Inizialmente Buckland Abbey era un’abbazia cistercense ma Sir Richard Grenville lo comprò ai tempi della dissoluzione dei monasteri e la convertì in una casa. A differenza di molti altri all’epoca che comprarono monasteri per poi distruggerli, Grenville lo tenne e lo fece diventare una dimora. Una casa piuttosto unica. In seguito Grenville vendette tutta la proprietà al noto Sir Francis Drake.

© Copyright Des Blenkinsopp and licensed for reuse under this Creative Commons Licence.

Ora non solo potete vedere una casa Tudor piena di oggetti interessanti ma i giardini sono spettacolari specialmente in primavera quando sono ricoperti di tanti colori. Dai giardini avrete anche una bella vista della Tavy Valley.

Potrete anche vedere a Buckland Abbey il famoso Drake’s Drum, il tamburo  che Francis Drake si portò in tutte le sue avventure e che dovrebbe battere tutte le volte che l’Inghilterra è in pericolo. Si trova anche quello che si credeva fosse un ritratto di Rembradt, ma che recentemente è stato scoperto essere un autoritratto, dipinto dal maestro stesso.

Gestita dal National Trust, potete entrare gratis se siete iscritti a questa organizzazione.

10 cose da vedere ad Exeter e dintorni

Come arrivarce Buckland Abbey?

Ovviamente non si tratta di una gita di un giorno da Londra o dalla maggioranza di altre città inglesi ma si trova a circa 30 minuti di autobus da Plymouth. È quindi un posto che potete visitare se esplorate questa zona del Devon che confina con la Cornovaglia. Oltre a Plymouth vi troverete vicini alla Tamar Valley

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.


The maximum upload file size: 24 MB.
You can upload: image, audio, video, document, spreadsheet, interactive, text, other.
Links to YouTube, Facebook, Twitter and other services inserted in the comment text will be automatically embedded.

Ti piace l'articolo?

200 points
Upvote Downvote

Scritto da admin

Autore per pagine generiche e di informazione

Amersham Arms

Locali di Londra: The Amersham Arms

“Una volta provata la meritocrazia non si torna indietro”