Conoscerete tutti la solita salsiccia che si trova spesso nelle colazioni. Forse non sapete che ci sono molte variazioni regionali e altri tipi di salsicce inglesi. Qui facciamo una panoramica di quelle più famose.

Polony=   molto meno comune di una volta, è una salsiccia di carne di maiale grassa e magra avvolta in una pellicola rossa. Soprattutto negli Stati Uniti la stessa salsiccia, che può anche essere di tacchino, pollo o manzo, viene chiamata Bologna Sausage per una sua somiglianza (di look e non tanto di gusto) alla mortadella bolognese.

In Inghilterra la salsiccia polony esiste dal 1600 e sembra sia una corruzione del nome Bologna.

Curiosità: questa salsiccia a volte veniva chiamata baloney (negli Stati Uniti ancora si chiama così), termine poi usato tutt’ora per descrivere qualcosa di non vero o esagerato, proveniente dal fatto che in queste salsicce non si trovava molta carne.

 

Saveloy = la salsiccia bollita o frittain pastella, che si trova in tutti i fish ‘n chips che si rispettono. Ora è molto simile al wurstel ma un tempo era una salsiccia fatta principalmente di cervella di maiale. Infatti il nome stesso deriva da servelat una salsiccia di cervella di maiale che si trova nella Svizzera francese. Come possiamo vedere molte salsicce inglesi hanno origini francesi.

 

Haslet = una specie di polpettone di carne di maiale, erbe, spezie e pane, normalmente si mangia in un sandwich o freddo con l’insalata. Proviene dal Lincolnshire e anche se ha una lunga storia ora si trova solo nei negozi specializzati di cibo e salumeria, ovvero i delicatessen.salsicce inglesi

Cumberland sausage= una salsiccia tradizionale che proviene dal Cumberland che ora si chiama Cumbria. Simile a certe salsicce tedesche e lunga e a spirale. La vera salsiccia dovrebbe essere lunga 50 cm, anche se ora si trovano versioni corte. La carne è maiale e tende ad essere un po’ piccante con tanto pepe, a differenza di altre salsicce la carne non è tritata ma tagliata e quindi il tessuto della salsiccia è un po’ grezzo.

Le salsicce inglesi possono anche essere lessate e mangiate con il purè di patate

Black pudding = una salsiccia di sangue di maiale che si trova in molte parti di Europa, inclusa l’Italia. A differenza delle versioni continentali quella britannica usa molto l’avena per assorbire il sangue.  Viene spesso tagliata a fette che fritte sono servite nella colazione, questo succede soprattutto in Scozia. Il black pudding si trova normalmente nei supermercati, esiste anche il white pudding, simile al black pudding ma senza sangue di maiale. Quest’ultimo è tipico del nord di Inghilterra e la Scozia.

Lincolnshire sausage = anche questa proveniente dal Lincolnshire (contea con tanti maiali) e piuttosto comuni anche ora. Anche queste salsicce hanno carne di maiale tagliata a pezzi e non tritata e invece di usare il pepe come in altre salsicce, la spezia principale è la salvia.

Newmarket sausage = ci sono diverse versioni di questa salsiccia ma la ricetta vera e propria è segreta. Provengono da Newmarket nel Suffolk contengono una miscela di erbe e spezie. Hanno il marchio protetto dall’Unione Europea.

Pork & Apple sausage = una salsiccia tradizionale della West Country, ovvero Cornovaglia, Devon e Dorset. Oltre alla carne di maiale ha anche un po’ di mele o di sidro di mele che rendono la salsiccia umida e soffice.

Dove si trova una buona Guinness a Londra?

Chipolata sausage = una salsiccia fresca normalmente più stretta di carne di maiale tagliata e con diverse erbe e spezie inclusa la noce moscata. Il nome deriva dal francese che a sua volta deriva dalla cipollata italiana, anche se questa versione di salsicce non contiene cipolle. Nel Regno Unito si mangiano spesso a Natale avvolte in bacon.

Oxford sausage = questa è particolare tra le salsicce inglesi perchè oltre alla carne di maiale contiene anche carne di vitello e limone. Le erbe sono salvia e maggiorana, una salsiccia dal sapore decisamente delicato.