Conoscete lo scrittore Thomas Hardy? Non sapete la storia del suo cuore

Tutti dovrebbero conoscere lo scrittore Thomas Hardy, famoso per aver scritto romanzi come Tess  D’Ubberville e diversi altri. Questa è una storia un po’ trucida ma ci assicurano che è vera, il che forse è anche peggio. Non leggetela se siete molto sensibili. 

Essendo un autore di successo quando morì nel 1928 sembrò opportuno seppellirlo a Westminster Abbey insieme ad altre persone nel campo delle lettere, politica o scienze. Ma Hardy era molto attaccato alla sua terra, il Dorset e aveva chiesto di essere seppellito nel piccolo cimitero accanto alla chiesa di Stinsford in Dorset, che lo scrittore ha sempre frequentato fin da piccolo.

Fu quindi deciso di fare un compromesso, il corpo di Hardy sarebbe stato seppellito a Westminster Abbey mentre il cuore sarebbe rimasto in Dorset e seppellito nel cimitero della chiesa come desiderava lo scrittore. 

 

Il dottore del paese fece la delicata operazione di rimuovere il cuore dal cadavere, una volta tolto lo mise avvolto in un telo sul tavolo. Quando dopo poco ritornò non trovò più il cuore ma vide che il suo gatto l’aveva rubato e se l’era pappato. Decise quindi di uccidere il gatto che conteneva il cuore e di farlo seppellire. Le foto del funerale del cuore di Hardy infatti mostrano un contenitore dove avrebbe dovuto esserci il cuore che era indubbiamente un po’ troppo grande per contenere un cuore ma delle dimensioni giuste per contenere un gatto. 

OffertaBestseller No. 1
Due sulla torre
  • Hardy, Thomas (Author)
OffertaBestseller No. 2
Tess dei d'Urberville
  • Hardy, Thomas (Author)
OffertaBestseller No. 3
Estremi rimedi
  • Hardy, Thomas (Author)

Ultimo aggiornamento 2021-06-17 / Link di affiliazione / Immagini da Amazon Product Advertising API

Laura S Ambir
A Londra dal 1984, ha lavorato in diversi settori dal marketing al recruitment. Ha anche esperienza del settore sanitario, public health e social care. Coinvolta in commissioni e dibattiti del parlamento britannico. Qualificata per insegnare inglese come seconda lingua a stranieri.

You may also like

Leave a reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

More in Storia