Continuano ad arrivare opinioni, sensazioni e commenti sul referendum del 23 giugno dagli italiani che abitano nel Regno Unito. Continuiamo a pubblicarli consapevoli che questo è un momento che potrebbe cambiare la vita di molti.

Infatti la questione non è solo se tutti potranno rimanere o no, cosa non ancora chiara comunque, ma se ci saranno le condizioni economiche per rimanere. Inoltre l’onda populista contro l’immigrazione e che si può solo definire xenofobica sta preoccupando molti italiani che vivono nel Regno Unito.

Che le cose non siano chiare anche a chi vota lo si capisce dal fatto che la maggioranza vota per uscire per bloccare il flusso immigratorio dall’Unione Europea, ma un sondaggio recente rivela che la maggioranza di queste persone vuole un sistema come quello norvegese, paese non membro della UE, ma membro dell’area economica europea e dell’area Schengen. Quindi invece di riavere il leggendario controllo delle frontiere si troverebbero senza. [irp]

Avete risposto alle seguenti domande e potete anche voi rispondere al sondaggio in fondo alla pagina.

Quali sono le cose che ti preoccupano maggiormente e per quali motivi?

Ho lavorato come un pazzo per avere il mio piccolo business che commercia con l’Italia. Se non stanno nel mercato unico sono finito. Con tasse e dazio non potrei permettermi di vendere i miei prodotti. 

Non voglio sentirmi precaria. Guadagno benino ma decisamente non 35k!

Vogliono uscire per mandare via noi europei, questo mi fa molto arrabbiare visto che molti di noi non hanno nemmeno cercato lavoro in UK, ma siamo stati headhunted direttamente da casa, guarda un po’ il Regno Unito ha bisogno di noi. Poi ci chiamano criminali, violentatori e altro. Non sto dicendo dovrebbero ringraziarsi ma almeno riconoscere che hanno bisogno di noi.

Ho paura di dover tornare in Italia

Sono qua da meno di  2 anni, non abbastanza per chiedere la cittadinanza e non capisco se potrò rimanere mantenendo tutti i diritti. Si sono preoccupata, non voglio tornare in Italia non ho nemmeno i risparmi per ricominciare da zero di nuovo. 

Lavoro diritti e libertà

L’insicurezza e il razzismo in crescita contro di noi. Non se ne può più, due volte mi hanno fatta piangere e ora prendo i sonniferi per dormire, mai presi prima in vita mia. 

Di dover chiedere visti legati al lavoro e perdere i diritti che sono intrinsichi all’interno dell’Unione Europea. L’Unione Europea ha difetti ma mi garantisce di poter andare a vivere ovunque in Europa e di avere i miei diritti rispettati. Senza l’Unione Europea solo i ricchi potrebbero farlo. [irp]

Anche se mi lasciano qui, perderò sicuramente il lavoro, non vedo un futuro positivo

Che anche se non passa il Brexit, ci odieranno sempre di più. Ho paura di maggiore discriminazione anche per mia figlia che ha solo 6 anni e frequenta la scuola. 

Se il Regno Unito decidesse di uscire cosa pensi di fare?

Mi era stato offerto lavoro qui quando stavo in Italia, sono venuto perché l’offerta era buona ma non resto se pensano di essere meglio di noi europei. Che escano, rimarranno da soli, con tanto odio non ti fai mai molti amici. Porto la mia esperienza a un altro paese che magari ne ha bisogno e l’apprezza. 

Potrei applicare per la cittadinanza già quest’anno (i soldi non sono un problema e la lingua nemmeno) ma non penso che vorrò rimanere in un paese che, se farà una scelta così stupida, di sicuro non merita la mia bravura e la mia professionalità. In poche parole non voglio restare su una barca che affonda. Guarderò verso l’Irlanda, anche se non mi entusiasma, dato che un rientro in Italia mi sembra fantascienza – anche perché il mio partner non è italiano.

Posso trovare lavoro in altri paesi, ho una professione richiesta e se escono due dita all’UK e me ne vado in un altro paese, non rimango in un posto che non mi vuole. Sono in contatto con recruiter internazionali, posso scegliere

Uk nel breve periodo non sarà economicamente stabile mi trasferirò in Germania

Penserei sinceramente al suicidio

Potrei rimanere e chiedere la cittadinanza  ma non credo proprio. Ci sono posti migliori in Europa, forse mi fanno un favore almeno ho lo stimolo ad andare a vivere in un posto migliore. 

Non lo so, non voglio pensarci, mi rifiuto di credere che saranno tanto idioti. Gli immigranti fanno girare la loro economia. Hanno anche un detto in inglese molto adatto -bite the hands that feed you-. Nessun politico, da destra a sinistra, ha le palle per spiegare l’importanza positiva dell’immigrazione. Si limitano a retorica e luoghi comuni da leghisti di terza categoria.