Si estende il lockdown in Inghilterra e le spiagge sono piene

spiaggia coronavirus

Dopo il lockdown a Manchester e ad Aberdeen in Scozia si aggiunge da stanotte a mezzanotte anche Preston nel nord di Inghilterra.

I lockdown inglesi prevedono  il divieto di andare a casa di altre famiglie o di incontrarsi, ma non significa un blocco delle attività economiche, inoltre chi abita nella zona può uscire e viaggiare altrove. 

I casi salgono soprattutto nell’Inghilterra del nord,  ma rimane difficile identificare la situazione perché il governo non ha mai rilasciato dati aggiornati dei casi attivi ora e dei guariti. 

Secondo la cartina con i dati ufficiali i problemi continuano nelle zone in lockdown come Manchester  e Blackburn. Londra e il sud dell’Inghilterra vedono sempre casi, ma la situazione sembra essere ancora sotto controllo.  I casi a Londra sono principalmente nella periferia. Molti ospedali londinesi non hanno comunque ricoveri per COVID-19 da parecchie settimane. 

Ci sono tre set di dati diversi: quelli di Public Health England, quelli dell’ONS e quelli del King’s College. È molto difficile riuscire a capire cosa sta succedendo, visto che sono diversi tra loro.

Intanto il Regno Unito ha messo la quarantena di 14 oggi anche chi arriva da Andorra e Belgio e ha annunciato di non avere esitazioni a metterla per altri paesi, come la Francia. 

Preoccupa però il fatto che con l’ondata di caldo in corso la gente si è precipitata nei parchi e spiagge, spesso non rispettando le distanze.

Leggi anche:

Nuovo ‘lockdown’ a Manchester e nel nord d’Inghilterra(Si apre in una nuova scheda del browser)

  • Chiese di Londra; quali dovete visitare e dove si trovano
    Londra ha tante chiese, soprattutto la City of London che era il vecchio centro romano e medievale. Le chiese che potete vedere ora nella City, non sono nemmeno tutte. Diverse sono state distrutte da incendi (soprattutto quello grosso del 1666) e bombe e mai state ricostruite. Non esistono solo St Paul’s e Abbey Cathedral. Anche […] Leggi il Resto
  • Non ci saranno i fuochi d’artificio dell’ultimo dell’anno a Londra
    Quest’anno non avremo nemmeno i fuochi d’artificio dell’ultimo dell’anno a Londra. Il sindaco di Londra Sadiq Khan ha annunciato stamattina che l’evento annuale non potrà tenersi per via della pandemia. Ovviamente avere un numero così grande di persone congregato in uno spazio limitato sarebbe estremamente pericoloso. Vista l’atmosfera festiva sarebbe difficile convincere le persone a […] Leggi il Resto

rapporto

Scritto da Daniela Mizzi

Nel Regno Unito dal 1991, grande viaggiatrice e amante dell'avventura. Lavorato in diversi settori dall'amministrazione al settore pubblicitario.

elettricista a londra

Nic da 12 anni in Inghilterra non pensa di tornare in Italia

Glendalough in Irlanda

Glendalough in Irlanda; cosa vedere e come arrivarci