“Siate pronti ad adattarvi a nuovi stili di vita”

“Siate pronti ad adattarvi a nuovi stili di vita”
“Siate pronti ad adattarvi a nuovi stili di vita”

Da quanto tempo sei in UK e come ti trovi?

E’ da 15 mesi che vivo a Est Londra. La vita qua è cara ma mi trovo bene, ho cambiato stile di vita rispetto quella che facevo in Italia per riuscire a mantenermi, ma ogni tanto riesco a permettermi qualche lusso.

Right or wrong? Smaschera i 101 errori più frequenti e migliora il tuo inglese al lavoro

Che tipo di lavoro fai e come l’hai trovato?

Sono cameriere ma sto cercando nel campo in cui ho studiato. Sono arrivato qui con un’agenzia che mi ha trovato i miei primi lavori poichè non ero mai uscito dall’Italia prima, neanche per turismo e non avevo idea di come muovermi.

Foto: License Some rights reserved by AndyRobertsPhotos

Secondo te quali sono i principali lati negativi di Londra/UK?

Troppe ore lavorative pagate poco, la paga minima non è proporzionata al costo della vita a Londra. Devi essere più che flessibile, scanaleei un immigrato che ha bisogno di lavorare per sopravvivere e come te ce ne sono milioni in questa città.

E quali sono i lati positivi?

Ovunque vai tutto è a misura di turista, una città multiculturale, aperta a tutti, dove non ci si sente oppressi, le persone sono socievolissime quando escono, mille posti da visitare e mille modi per divertirsi e socializzare.

Se dovessi rifare tutto verresti ancora a Londra/UK?

Assolutamente si,è un esperienza che consiglio a tutti i miei coetanei che hanno difficoltà a trovare una dimensione in Italia.

Ritorneresti in Italia?

Tra 20,30 anni io spero di fare ritorno in patria e vedere crescere i miei nipoti in Italia. A breve termine, assolutamente no, un paese che non offre un futuro per i giovani è un paese che non ci merita.

Che consigli daresti a chi sta pensando di trasferirsi a Londra/UK?

– La lingua è fondamentale. Gli inglesi/irlandesi/australiani sono difficilissimi da capire i primi mesi di permanenza qua. – Portatevi un minimo di 2000£ per sopravvivere i primi mesi. – Siate pronti ad adattarvi a nuovi stili di vita. Se siete abituati a girare ovunque con la macchina e uscire tutti i weekend (come facevo io) sappiate che difficilmente vi sarà possibile. Un saluto da un giovane emigrato italiano!

 

Se  abiti in UK e vuoi anche tu raccontare la tua esperienza puoi compilare questo breve questionario

Queste sono risposte al nostro sondaggio e non necessariamente sottoscriviamo a ciò che viene detto, pubblichiamo le risposte per dover di cronaca e per dare la parola a tutti

rapporto

Scritto da admin

Autore per pagine generiche e di informazione

Il secondo giorno di Glastonbury

“Non pensate proprio di lavorare in ristoranti…”

“Non pensate proprio di lavorare in ristoranti…”