Simona racconta la sua esperienza di lockdown nel nord d’Inghilterra

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su pinterest
Pinterest

Cerchiamo di dare la parola a tutti e pubblichiamo anche esperienze completamente diverse dalle nostre. Queste testimonianze riflettono solo l’esperienza ed opinione di chi l’ha scritta Se vuoi anche tu aggiungere la tua testimonianza puoi farlo compilando il modulo qui sotto. Ci riserviamo il diritto di non pubblicare testimonianze. Se decidi di condividere la tua esperienza puoi anche scegliere di inviare una tua foto che sarà pubblicata nel tuo articolo, troverai il modulino per caricare la tua foto qui sotto. Inviando il modulo qui sotto acconsenti a pubblicare la tua testimonianza su questo sito

Oggi passiamo il microfono virtuale a Simona, puoi anche tu raccontare come stai vivendo il lockdown nel Regno Unito, usando il modulo qui sotto.

È un disastro di immani proporzioni quassù nel nord-ovest d’Inghilterra, in tutti i sensi, sia economico che per fare rispettare le regole. Le aziende hanno licenziato a raffica e chi non lo ha fatto lo farà dopo il rientro. E poi è praticamente impossibile far capire alla gente di stare a casa, barbecues e feste di compleanno con bambini nel mio vicinato e poi tutti ad applaudire o battere le pentole ogni giovedì sera per l’NHS… senza parole! Mascherine totalmente assenti in giro, ormai nei dintorni riconoscono me e mio marito perché siamo gli unici che le mettiamo. Per la situazione politica, dall’immunità di gregge in poi è andata sempre peggio, a Westminster non sanno che pesci prendere. Più che politici vergognosi direi proprio assenti e menefreghisti.
 
Nessuno lo rispetta…. A parte non andare al lavoro qui dove viviamo io e mio marito non è cambiato proprio nulla.
 
Io sono qui da tanti anni, sono cittadina britannica e mio marito è nato qui, quindi non ci sono problemi immigratori per noi, ma non rimaniamo se le cose continuano ad andare così male, vogliamo emigrare dal 2017. Dopo il covid19 ci aspetta un no deal Brexit, il paese è spacciato e quindi siamo preoccupatissimi.
 
È scandaloso da anni, io non mi sono abituata a tutti i cambiamenti voluti da Westminster dal 2010. L’ultima operazione l’ho avuta a gennaio 2020, dopo 18 mesi dalla diagnosi e senza poter camminare per mesi e mesi. Ero così disperata che volevo riprendere la residenza in Italia per farmi operare. Assurdo. Aggiungo che mi hanno trovato posto a un ospedale a 1h e 40 di auto perché i due ospedali più vicini non hanno staff!
 
Lavoro da freelance quindi non sono rientrata in nessun schema, ho perso il lavoro che avevo assicurato per tutto il 2020. Per fortuna che mio marito è stato solo ‘furloughed’ (non so la traduzione in italiano).
[fluentform id=”12″]

Puoi anche tu raccontare la tua esperienza nel Regno Unito, la tua opinione, segnalare qualche evento o qualcosa che potrebbe interessare altri italiani. 

Unisciti alla discussione

  1. Avatar
  2. Avatar
  3. Avatar

3 commenti

  1. Ma sei mai stata in Inghilterra in vita tua? Racconti un paese diverso da quello che vedo io, sono tutti attenti e un paese unitissimo.

  2. @Sarami

    L’articolo dice che è cittadina britannica, quindi forse sei tu non leggi gli articoli prima di commentare a casaccio?

    L’Inghilterra che vedo io è come quella raccontata qui. Deduco che forse sei una di quei londinesi che ha il brutto vizio di credere “Londra=Inghilterra”?

  3. Dove sono io appena spunta il sole sono tutti in giro, parchi aperti e pieni, partite al pallone, feste in casa e BBQ in giardino. I contagi sono ancora alti.

Lascia un commento

Rispondi

I più venduti
OffertaBestseller No. 1 Italian-English Bilingual Visual Dictionary with Free Audio App
OffertaBestseller No. 2 Dizionario giurieconomico. English-italian, italiano-inglese. Con voci dell'american english
Bestseller No. 3 Merriam-Webster's Italian-English Dictionary

Ultimo aggiornamento 2021-12-07 / Link di affiliazione / Immagini da Amazon Product Advertising API

La mia esperienza a Londra con un contratto a zero ore
Sono venuta a Londra per la famiglia reale
"In Germania si vive meglio, anche in Svizzera"
Arianna, partita per Londra con la figlia piccola
Mamba lavora come capo cucina e parla di meritocrazia
"A livello lavorativo molto soddisfacente e con possibilità di crescita"
a voi la parola (1)
Il futuro darà ragione a Boris Johnson
Applausi per il personale sanitario ed esperienze di italiani nel Regno Unito
Valentina in UK da pochi mesi, racconta la sua esperienza
Londra, artista italiano crea enorme murale
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: