Situazione coronavirus: riaprono negozi e mercati a giugno

Continua la fase di uscita dal lockdown nel Regno Unito. Parte delle scuole elementari riaprono dal 1 giugno, anche se in realtà non hanno mai veramente chiuso; i figli della lavoratori essenziali hanno continuato ad andare a scuola. 

Dal 1 giugno riaprono anche mercati all’aperto e saloni auto, ma devono mantenere le distanze di due metri da persona e persona.

Dal 15 giugno riaprono anche i negozi di beni non essenziali ma anche in questo caso devono essere sicuri e mantenere le distanze. Inoltre devono incoraggiare i dipendenti a lavorare di fianco o di schiena e non faccia a faccia. 

I meeting aziendali possono essere fatti ma sempre con i due metri di distanza e solo con le persone assolutamente essenziali. I dipendenti devono fare la pausa pranzo in orari diversi per evitare affollamenti nelle mense o stanze in comune. 

Non esiste ancora una data per la riapertura di locali, cnema, teatri, pub e ristoranti, si parla da luglio, ma ancora non ci sono dettagli.

Insomma si riapre piano piano ma tante cose saranno molto diverse da come le abbiamo lasciate. 

Tutto ciò non significa che potete ora precipitarvi a cercare lavoro a Londra, molte persone hanno perso il lavoro e non sappiamo quanti saranno in grado di riaprire. Come molti proprietari di negozi e locali continuano a ripetere mantenere i due metri di distanza è costoso e potrebbe non assicurare abbastanza entrate per essere in grado di continuare. Potrebbe anche esserci una seconda ondata nei prossimi mesi e se non avete lavorato per almeno tre mesi non avete diritto a nessun aiuto. Pensateci bene prima di buttarvi nel vuoto. 

 

rapporto

Scritto da Daniela Mizzi

Nel Regno Unito dal 1991, grande viaggiatrice e amante dell'avventura. Lavorato in diversi settori dall'amministrazione al settore pubblicitario.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Daniela scrive che a Londra si vive degnamente

Nadia parla della zona di Wandsworth e della sua esperienza in Devon