guida a soho a londra

Soho a Londra, la guida completa al famoso quartiere

Tutti i turisti a Londra passano da Soho, a volte nemmeno sanno di esserci, ovviamente da non confondere con la Soho di New York. Soho è una zona di Westminster, parte del West End di Londra. Originariamente un quartiere alla moda per l’aristocrazia, è stato uno dei principali quartieri del divertimento della capitale sin dal 1800.

Soho ha un’area di meno di tre chilometri quadrati, delimitata da Shaftesbury Avenue a sud, Oxford Street a nord, Regent Street a ovest e Charing Cross Road a est. L’area a ovest è conosciuta come Mayfair, a nord come Fitzrovia, a est come St Giles e Covent Garden e a sud come St James’s. Storicamente, Chinatown, l’area tra Leicester Square a sud e Shaftesbury Avenue a nord, fa parte dell’area.

Quasi tutte le linee della metropolitana attraversano le aree vicino a Soho, quindi è facile scendere per una cena o uno spettacolo in una delle zone più alla moda di Londra. Prendi qualsiasi treno per Piccadilly Circus, Leicester Square, Oxford Circus o Tottenham Court Road.

Le vie principali di Soho sono Frith Street, Wardour Street, Dean Street, Soho Square, Broadwick Street, Great Windmill Street, Lexington Street e Greek Street.

Soho, nonostante abbia un’identità particolare e distinta non si è mai amministrata da sola, ora fa parte del council o consiglio della Città di Westminster.

Cosa si trova ora a Soho

Le stradine di Soho sono chiaramente dedicate al piacere e agli svaghi. Wardour Street divide in due il quartiere, con molte boutique interessanti e alcuni dei migliori ristoranti di Londra a ovest. La maggior parte della vita notturna si trova a est, compresi i club gay di Old Compton Street, e oltre a questo c’è la più fitta collezione di teatri della città, su Shaftesbury Avenue.

La compatta Chinatown di Londra è tradizionalmente parte di Soho e si trova vicino a Leicester SquareCharing Cross Road, famosa per le sue librerie di seconda mano, e sulla minuscola Cecil Court, un passaggio pedonale fiancheggiato da piccole librerie antiquarie e negozi di curiosità specializzati in poster di film d’epoca, mappe e accessori per il teatro.

Un isolato a est di Carnaby Street, dove è nato il look della “Swinging London” degli anni ’60, si trova Newburgh Quarter, un piccolo labirinto di strade acciottolate ora fiancheggiate da boutique specializzate, negozi all’avanguardia e giovani emergenti indipendenti.

Non ci sono musei nel quartiere di Soho, solo qualche galleria d’arte privata, si trova però la Photographer’s Gallery. La prima e più importante galleria di fotografia pubblica della Gran Bretagna ospita mostre all’avanguardia e provocatorie. Il prestigioso Deutsche Börse Photography Prize viene assegnato qui ogni anno.

chinatown london soho

Breve storia di Soho

L’idea della storia di Soho può sembrare noiosa, ma per capire questo quartiere è assolutamente importante sapere da dove arriva. Avrete delle sorprese enormi e un maggior piacere quando esplorate le sue vie. Per esempio se ha un feeling poco inglese e un po’ francese ci sono delle ragioni come scoprirete sotto.

Durante il Medioevo, questa zona era un terreno agricolo appartenente all’abate e al convento di Abingdon e al padrone dell’ospedale di Burton St Lazar nel Leicestershire, che era custode del lebbrosario di St Giles in the Fields.

Nel 1536, entrambi i proprietari cedettero la loro terra, allora conosciuta come St Giles’s Field, al re Enrico VIII in modo che potesse essere formato un parco reale per Whitehall Palace. Parti del terreno sono state successivamente concesse, affittate o vendute a diversi proprietari.

Con il re Enrico VIII padrone di queste terre e come succedeva in tutte le sue proprietà anche qui si cacciava, si pensa infatti che il nome Soho venga proprio dal grido di caccia SO-HO!

Uno dei primi residenti fu il figlio illegittimo di Carlo II, il duca di Monmouth. Si dice che le sue forze nella battaglia di Sedgemoor siano state radunate dal grido e che lo abbiano usato come parola d’ordine.

Negli anni 1670 e 1680, nuovi edifici furono costruiti rapidamente. Allo stesso tempo, qui iniziarono a stabilirsi immigrati stranieri, molti dei quali ugonotti francesi, che i primi anni presero possesso di una cappella che era stata originariamente costruita per i cristiani greci che si erano rifugiati in Inghilterra.

Con la loro parsimonia e operosità artigianale, avevano lottato contro la povertà che aveva gravato sulla generazione dei loro nonni.

Nel 1800, la popolazione di quest’area aumentò rapidamente, raggiungendo i 327 abitanti per acro nel 1851, una cifra superiore a quella di qualsiasi altra zona di Londra. Le case erano spesso divise in diverse famiglie e il sovraffollamento era comune.

Nel 1854 ci fu una grave epidemia di colera, dopo di che la maggior parte delle famiglie più abbienti rimaste si allontanò dalla zona. Allo stesso tempo, l’area si distinse per il numero di ospedali costruiti lì: sei apparvero tra il 1851 e il 1874. Fu durante questi anni che Soho consolidò la sua reputazione come luogo di intrattenimento. Furono aperti teatri e sale da musica, alcuni dei quali di carattere piuttosto disdicevole, incluse prostitute.

 

I ristoranti di Soho

La reputazione della zona come un luogo in cui si possono trovare buoni ristoranti fu, tuttavia, uno sviluppo un po’ più tardi. C’erano alcuni hotel con ottimi ristoranti dentro e intorno a Leicester Square, incluso il Savoy.

Alla fine del 1800, le abitudini della società londinese cambiarono e i ristoranti pubblici furono usati per molti pranzi, cene e cene che altrimenti sarebbero state date a casa.Questo cambiamento nelle abitudini sociali e la costruzione di nuovi teatri in Shaftesbury Avenue e Charing Cross Road aumentò notevolmente la clientela delle trattorie precedentemente squallide di Soho.

 Kettner’s era stato fondato a Soho nel 1867, ma era a quei tempi una rara eccezione nel quartiere dove ora si trovano i migliori ristoranti: i tanti piccoli locali qui erano, secondo le guide, da evitare tutti.

Quando il calo del numero dei personale domestico divenne un problema, soprattutto durante e dopo la prima Guerra Mondiale,  aumentò l’abitudine di “mangiare fuori”, la reputazione gastronomica della zona di Soho fu finalmente stabilita. Infatti, gli abitanti della zona erano ancora in gran parte di estrazione straniera, per lo più francesi. Erano anche arrivati tedeschi e italiani, molti dei quali cuochi e camerieri, e un numero considerevole di ebrei russi e polacchi, e anche greci.

Non per niente a Soho si trova anche il Il leggendario Bar Italia di Frith Street è il cuore pulsante non ufficiale di Soho e un’istituzione classica aperta 22 ore al giorno. Fondato nel 1949, durante la mania dei bar italiani del dopoguerra, e ancora gestito dalla famiglia Polledri, oggi la maggior parte dei clienti abituali prende un espresso o un cappuccino schiumoso fatto con la Gaggia.

I sexy shop di Soho, le luci rosse di Londra

La maggior parte veniva a frequentare i numerosi ristoranti, le gastronomie e i nuovi spettacoli di spogliarello, i club quasi-birreria e le cantine. I locali luce rossa sono aumentati rapidamente di numero dalla metà degli anni ’60.

Nel 1972, alcuni dei rimanenti residenti formarono la Soho Society nel tentativo di arginare la proliferazione incontrollata dell’industria del sesso e dei piani per lo sviluppo globale di Soho. Nuove legislazioni resero più difficile ottenere la licenza e il numero di locali a luce rossa passò da circa 200 negli anni ‘80 a circa 30 10 anni dopo.

Soho ha avuto anche importanza nella musica i Beatles, i Rolling Stones, David Bowie, Jimi Hendrix e tanti altri erano di casa qui. Ci sono stati tanti locali di musica dal vivo, purtroppo ne sono rimasti pochi, ma quei pochi si meritano veramente una visita.

Chinatown di Soho

La Chinatown di Soho iniziò davvero negli anni ’20 per la prima volta, quando un piccolo gruppo di ristoranti cinesi iniziò ad aprire nella zona. In precedenza, il centro della comunità di immigrati cinesi di Londra era a Limehouse, nella zona est di Londra.

Dopo la seconda guerra mondiale, la popolazione immigrata si trasferì a Gerrard Street, Soho, dove presto prosperarono altre attività non legate alla cucina. Fu l’acquisizione comunista nel 1949 che portò a un afflusso di rifugiati cinesi nella Soho dopo la guerra. Aprirono rapidamente ristoranti che erano sempre più popolari tra i frequentatori di teatro e gli studenti in cerca di un pasto economico.

Cosa si può vedere a Soho?

(Visited 4 times, 1 visits today)

Rispondi

Torna su