“Sono content writer in italiano e inglese”
“Sono content writer in italiano e inglese”

eye3Da quanto tempo sei in UK e come ti trovi?

15 mesi

Che tipo di lavoro fai e come l’hai trovato?

Sono content writer in italiano e inglese per un sito sportivo, trovato lavoro quando stavo ancora in Italia

Secondo te quali sono i principali lati negativi di Londra/UK?

Il cibo e il meteo come dicono tutti…

Foto: LicenseAttribution Some rights reserved by phalinn

E quali sono i lati positivi?

Le possibilità praticamente illimitate di fare carriera. nessuno qui rimane indietro se ha meriti e si possono prendere stipendi ottimi

Se dovessi rifare tutto verresti ancora a Londra/UK?

Si

Ritorneresti in Italia?

Se mi offrono lo stipendio che prendo qui, si di corsa

Che consigli daresti a chi sta pensando di trasferirsi a Londra/UK?

Lasciate a perdere i ristoranti e altri lavori che pagano poco, se intendete venire a Londra fate sfruttare le vostre conoscenze, la lingua italiana e via! Qui bisogna essere sulla cresta dell’onda, se non avete certe conoscenze che sono richieste (vogliono tanti lavoratori per il web) cercate di farvele prima di cercare lavoro , se non avete esperienza vi daranno tanti calci in faccia e farete a botte con gli extracomunitari, roba pietosa…venire per lavorare nei ristoranti è da perdenti, venite per lavorare in un settore che paga bene, Londra costa tanto se non guadagnate almeno 20 o 25 mila sterline nette  non vale la pena venire qui…fatevi valere insomma…sono snob gli inglesi. dove lavoro cercano spesso italiani ma se siete venuti a Londra a fare i camerieri vi eliminano subito, vogliono solo  persone che hanno seguito percorsi coerenti

 

Se  abiti in UK e vuoi anche tu raccontare la tua esperienza puoi compilare questo breve questionario

Se vuoi  sapere come trovare lavoro a Londra, leggi le nostra sezione sul lavoro con centinaia di articoli

Queste sono risposte al nostro sondaggio e non necessariamente sottoscriviamo a ciò che viene detto, pubblichiamo le risposte per dover di cronaca e per dare la parola a tutti

 

5 Commenti

    • Ho un background in Comunicazione/Eventi/Marketing, sono arrivata in UK da settembre e, da novembre, lavoro in un customer service.
      Lo sto vedendo come un modo per imparare l’inglese ed essere pagata, poco ma pagata e nel mentre sto continuando a cercare posizioni nel mio settore che mi permettano di utilizzare l’italiano. Non sto avendo molti riscontri 🙁

  1. Ottima testimonianza davvero, condivido in pieno. Dopo 10 anni al nord Italia dal sud e 4 anni di esperienza aziendale nel campo della comunicazione ho deciso di ampliare i miei orizzonti e partire per Londra per affermarmi professionalmente, (cosa che qui in Italia è diventata impossibile). E credo che l’atteggiamento da adottare sia quello da te descritto nell’articolo.

    • Sono d’accordo bisogna arrivare con quell’atteggiamento. Non e’ per snobbismo che consiglio di evitare i ristoranti ma perche’ se non trovi un altro lavoro subito non ne esci piu’. chi seleziona, non legge tutto il tuo cv ma solo che hai fatto negli ultimi 6 o 12 mesi, se vede che negli ultimi 6 mesi hai lavorato solo in ristoranti, ti rimanda ai ristoranti.

      • Purtroppo, piuttosto vero, generalmente solo chi aveva esperienza in qualcosa di molto richiesto (come IT) riesce a trovare altro. Per altri tipi di lavoro meno specializzati, ormai i recruiters guardano l’esperienza dell’ultimo anno, 2 anni al massimo, se non corrisponde a quello che stanno cercando, cestinano. Tanto ricevono sempre tantissimi CV, preferiranno sempre chi sta facendo un lavoro simile adesso. La storia del lavorare in un ristorante mentre si impara l’inglese per un paio di anni per poi riprendere il lavoro che si faceva prima, non funziona sempre, ora che la competizione e’ tanta.

Commenta