“Sono un consulente Digital Marketing”
“Sono un consulente Digital Marketing”

shoreditchDa quanto tempo sei in UK e come ti trovi?

Sono a Londra da circa un anno e mi trovo alla grande. Sono partito a 32 anni perchè mi ero rotto di essere precario senza opportunità lavorative.
Ero pieno di paure, temevo fosse la decisione sbagliata. Oggi dico che è stata la decisione più giusta delle mia vita.

Che tipo di lavoro fai e come l’hai trovato?

Sono un consulente Digital Marketing, mi occupo di SEO, Search Advertising, Social Media Marketing e cose del genere. Prima lavoravo come Country Manager presso un’altra compagnia, ma vista l’aria che tirava ho deciso di accettare l’offerta dell’agenzia per cui lavoro ora.
Il lavoro l’ho trovato, tramite networking, che qui conta tantissimo. Conoscere persone, frequentare posti, sforzarsi nell’integrazione.

Il precedente lavoro invece lo trovai in circa 20 giorni tramite application Online. Ho fatto tre colloqui, un test e sono stato assunto con contratto permanent e uno stipendio iniziale che non mi sarei mai aspettato quando decisi di partire.

Foto: Londranews 2013

Secondo te quali sono i principali lati negativi di Londra/UK?

Non lo so, forse che i negozi chiudono presto e devi sbrigarti se hai da fare una commissione. Il tempo non mi disturba affatto, tra l’altro questo inverno è stato fantastico.
Diciamo che la parte più negativa, che però ha anche un lato positivo è la mentalità inglese, così aggrappata alle regole ed all’organizzazione, a volte troppo.
Inoltre non mi piace quando l’integrazione spesso diventa ghettizzazione: turchi con turchi, islamici per conto loro, spagnoli-italiani-francesi bene o male insieme.

E quali sono i lati positivi?

Il fatto che le regole di cui parlavo prima si possono facilmente rompere. Mi piace tantissimo scendere al pub sotto casa e prendere una pinta da solo al bancone, tanto dopo 10 minuti massimo sto già parlando con qualcuno. Mi piace che questa città sia così attiva e sfiancante, è uno stimolo per l’anima.
La cosa che mi piace di più è che è selettiva, crudele…Darwiniana diciamo, e se non ti adatti in fretta torni a casa con la coda tra le gambe piagnucolando “Londra è cattiva!”

Se dovessi rifare tutto verresti ancora a Londra/UK?

No.
Se tornassi indietro non aspetterei di avere 32 anni per trasferirmi.

Ritorneresti in Italia?

Per ora non ci penso proprio, in futuro sicuramente.
Ho ancora strada da fare qui, in un anno ho fatto un sacco di cose, ho cambiato due lavori, 4 case, ho seguito corsi e imparato tantissimo professionalmente parlando, ho ricominciato anche l’attività sportiva.
Il prossimo obiettivo è prendere un diploma postgraduate ma prima devo finire un corso di specializzazione che sto frequentando.

Che consigli daresti a chi sta pensando di trasferirsi a Londra/UK?

Fissarsi bene in testa questa frase “Io non sono nessuno e quando arriverò sarò l’ultimo degli ultimi…”.
Qui non esiste che l’Italiano è meglio dei Romeni o degli Albanesi, qui non esiste che chi è più anziano avanza di grado.Qui si lavora e si tira fuori la grinta. Non esistono 2, 3, 10 lauree, devi dimostrare ogni giorno quello che sai fare, altrimenti, giustamente anche, chiunque ti passa avanti.
Gente che si lamenta non serve, valutate bene se avete i pugni abbastanza serrati e il fiato per correre questa maratona. Se mandate 100 CV e non vi risponde nessuno evidentemente sbagliate qualcosa voi, non scaricate sempre sugli altri…tipico modo di lamentarsi all’Italiana.
Ognuno ha la sua storia ed ammetto che ad alcuni la fortuna volta le spalle, ma sono sempre una minoranza.
Se però una persona è forte, davvero motivata ad emergere, si organizza per bene senza andare allo sbaraglio ed ha degli obiettivi chiari, qui non può fallire.

Se  abiti in UK e vuoi anche tu raccontare la tua esperienza puoi compilare questo breve questionario

Se vuoi  sapere come trovare lavoro a Londra, leggi le nostra sezione sul lavoro con centinaia di articoli

Queste sono risposte al nostro sondaggio e non necessariamente sottoscriviamo a ciò che viene detto, pubblichiamo le risposte per dover di cronaca e per dare la parola a tutti

 

Commenta