St Katharine Docks; cose da sapere su questo quartiere

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su pinterest
Pinterest

St Katharine Docks, una piccola zona di porticcioli e moli che si trova tra i London Docks e la Torre di Londra e molto vicina alla City.

Qualche secolo fa era una zona veramente poco salubre con oltre 100 case per poveri, una fabbrica di birra e quelle che rimaneva dell’ospedale di St Katharine

Qui si trovava anche la chiesa di St Katharine che era  del 1100 e appartenente alla famiglia reale, in particolare alla regine.

Nel 1820 fu tutto demolito, case, fabbrica di birra e chiesa medievale e aprirono i moli costruiti da Thomas Telford un grande ingegnere dell’epoca. Nonostante l’ingegnere scozzese abbia completato molti lavori in tutto il paese questa fu la sua unica opera finita a Londra.

Le acque dei moli di St Katharine Docks erano praticamente in un grande bacino di 1,5 ettari che portava a due moli di forma irregolare. Intorno si trovavano magazzini gialli che ospitavano prodotti come la gomma, il tè, zucchero e anche animali vivi.

Era abbastanza inconsueto avere dei depositi di merce così vicini all’acqua, ma questo aveva dei grandi vantaggi, infatti le merci potevano essere immaganizzate molto velocemente.

Ma siccome a questo punto il Tamigi era troppo stretto e non poteva far passare grandi navi, questi moli non ebbero mai grande successo commerciale e dovette unirsi quasi subito alla società del Porto di Londra. I docks furono anche seriamente danneggiati da bombe tedesche durante la Seconda Guerra Mondiale In ogni caso questi molti rimasero aperti fino al 1968.

Foto: © Copyright DS Pugh and licensed for reuse under this Creative Commons Licence.

Nel 1973 costruirono l’hotel Tower Thistle a St Katharine Docks che possiamo solo descrivere come un edificio bruttino ma con il tempo i vecchi magazzini gialli rimasti divennero pub, ristoranti, negozi e cominciarono ad ospitare uffici. Sono state anche aggiunti altri edifici di abitazioni e uffici.

Dove si trovano i St Katharine Docks?

 

 

Londra

Ultimo aggiornamento 2022-01-28 / Link di affiliazione / Immagini da Amazon Product Advertising API

Chiswick House a Londra, una casa costruita per non abitarci

Chiswick House è una strana villa fatta costruire  nel 1729 da Lord Burlington. È fortemente ispirata alle ville del Palladio,  particolarmente alla Villa Capra che si trova vicino Vicenza. Infatti Lord Burlington aveva passato tempo in Italia, quello che è meno chiaro è invece lo scopo di questa villa. Infatti è troppo piccola per essere una

Waltham Abbey, uno dei tanti segreti di Londra

Waltham Abbey

Festival delle orchidee ai Kew Gardens

Il festival delle orchidee a Kew Gardens si tiene quest’anno dal 5 febbraio al 6 marzo. Ci sono decine e decine di orchidee e si trovano nel Princess of Wales Conservatory, una delle serre costruite recentemente. Quest’anno il tema e Costa Rica e l’incredibile biodiversità dell’America centrale attraverso la cultura e i colori di un

Biglietti per i concerti di Harry Styles – aggiunte altre due date!

I concerti che molti attendono da tempo, visto che erano stati posticipati a causa della pandemia. Ce ne sono due in Italia uno a Torino e uno a Casalecchio di Reno, i biglietti si trovano qui. Se invece preferite Ticketmaster i biglietti sono qui. Nel Regno Unito invece i biglietti saranno in vendita dal 28

I 15 dipinti più ammirati alla National Gallery di Londra

La National Gallery di Londra ha la sua classifica, ovvero i dipinti più amati e ammirati dai visitatori. Anche se nessuno dei quadri della National Gallery ha le file come possiamo vedere per la Gioconda al Louvre di Parigi, alcuni sono molto conosciuti. La galleria stessa ha fatto una classifica, eccola. Se volete comprare le

Camberwell a Londra; cose da sapere su questo quartiere

Camberwell è la zona del postcode SE5 che si trova nel borough di Southwark. Si trova nel sud est di Londra, praticamente tra Peckham e Brixton.  Descrizione della zona di Camberwell a Londra Una zona multiculturale e piena di contraddizioni, come tante dell’inner city londinese, (per inner city si intende vagamente la fascia corrispondente alla

Rispondi

Torna su