Un’altra delle tante strade famose di Londra e oggi guardiamo alla storia di Carnaby Street. Una strada che  esiste dal 1680 quando era una strada residenziale che ospitava soprattutto esiliati dalla Francia per  motivi religiosi.
Il nome proviene da Karnaby House.

Nel 1820 aprì il primo mercato  ma non aveva grande importanza. Negli anni cinquanta ospitava studi di sarti che lavoravano per i negozi di Savile Row e alloggi economici, niente di interessante per il turista, ma nel 1956 un fotografo chiamato Bill Green aprì un negozio chiamato Vince Man’s Shop e rivoluzionò la storia di Carnaby Street.

storia di carnaby streetJohn Stephen che era inizialmente un commesso da Vince,  nel 1958 aprì un altro  negozio di abbigliamento per uomo, una boutique chiamata His Clothes che negli anni seguenti vestì tutti dai Beatles a Jimi Hendrix.

John Stephen, che era gay, riuscì a far sembrare normale a uomini eterosessuali ad uscire di casa vestiti di porpora o rosa.

Qui potete vedere una serie di foto della storia di Carnaby Street negli anni ’60


Da li’ cominciarono ad aprire altri negozi di moda all’avanguardia adattandosi prima alla Swinging London e poi ai gusti punk. Negli anni ’60 era un luogo noto in tutto il mondo prima per la scena Mod e in seguito quella hippie ed era anche innovativo e iniziò mode che girarono il mondo, ma con l’arrivo del punk, anche se  questa via provò a stare al passo, i punks preferirono la Kings Road, dove si trovavano i negozi chiave del loro movimento.

Negli anni ’80 Carnaby Street divenne un luogo essenzialmente turistico con negozi di souvenirs non sempre gradevoli, T-shirts e altre cianfrusaglie assortite.

Negli ultimi anni, hanno aperto nella zona nuovi negozi di stilisti contemporanei tipo Jean Paul Gaultier e Pam Hogg. É ancora una meta turistica anche se non ha più molto di speciale,  e soprattutto secondo il parere di molti manca di spontaneità, che era una sua caratteristica importante 50 anni fa.

La storia di Carnaby Street

In fondo questa via era famosa per i suoi negozi indipendenti e unici e ora ha i negozi delle stesse catene che si trovano anche altrove.   Per arrivarci scendete a Piccadilly Circus o Oxford Street e proseguite per Regent Street seguendo le indicazioni.

NB gli italiani tendono ad abbreviare certi nomi inglesi, quindi abbiamo il British per il British Museum, la British per British Airways (la compagnia aerea e Carnaby per Carnaby Street. In inglese non si usa farlo quindi se dite che ” I am going to visit the British and then go to Carnaby” vi guarderanno strano. 

Cose che forse non sapete su Somerset House a Londra