Studiare con l’Open University
Studiare con l’Open University

openuniversity324324Studiare a distanza, direte voi? Di che roba si tratta? Torniamo indietro nel tempo nel 1971 lanciarono la Open University, un universitá a distanza aperta a tutti. E da allora, é diventata sempre piú popolare e importante. In poche parole qualsiasi persone si puó iscrivere, non occorre neanche aver finito le superiori o mostrare qualsiasi qualifica ma bisogna solo stare in lista di attesa in genere un anno.

Foto: Some rights reserved by Paul Stainthorp


I corsi iniziano a febbraio e finiscono ad ottobre, molti corsi hanno una settimana estiva intensa in qualche campus (un esperienza unica!). I prezzi sono una frazione di quelli dell’universitá normali (e i costi includono i libri , gli esami e avete la possibilitá di affittare video registratori e computer a prezzo ridotto) ma un altro vantaggio é la flessibilitá. Infatti ogni anno uno puó scegliere di fare due corsi o anche solo metá corso a seconda delle proprie esigenze e tempo a disposizione. Ogni settimana ci sono dei tutorials alla sera o al sabato in un college locale. Inoltre vi viene dato un vostro tutor personale che potete contattare telefonicamente o via email o nel mio caso anche di persona alla sera. Ci sono anche programmi televisivi e radiofonici apposta per il vostro corso che la BBC mostra durante le ore piccole (qui serve il videoregistratore, vi giuro svegliarsi alle sei del sabato per seguirsi una lezione non é il modo migliore per apprendere). Quindi si puó studiare e lavorare allo stesso tempo. Ogni mese vi sará dato del materiale da leggere e studiare e dopo 4 settimane dovete inviare un compito scritto al vostro tutor che prontamente ve lo rimanderá con il voto commenti e consigli. Alla fine del corso 50% del punteggio finale viene da questi compiti e 50% dall’esame ad ottobre. Potete scegliere tra diverse facoltá e anche mischiare corsi diversi, vi daranno un Bsc (Batchelor of Science) se avete almeno 50% dei vostri corsi annuali in materie scientifiche o un BA se avete la maggioranza dei corsi in materie umanistiche. Ci sono anche corsi di Economia e Business e Informatica.

Potete anche continuare a fare un Master. Ora ci sono anche universitá normali che offrono questi corsi (se guardate nella sezione links utili su questo sito vi ho messo altra informazione). Ora ci saranno anche degli snob che stanno pensando che non puó trattarsi di una cosa seria. Vi state sbagliando! A meno che uno abbia la possibilitá di studiare in una delle universitá prestigiose, famose e a numero chiuso iscriversi ad una delle universitá “di secondo grado” puó significare fare corsi di secondo grado. Tante nuove universitá puntano proprio sugli stranieri per campare e i corsi che offrono sono notoriamente scadenti. (ne esistono diverse a Londra, magari ne parlo un altra volta se vi interessa). Tante di queste universitá a distanza hanno fior di professori alcuni con fama internazionale e autori di trattati e ricerche.

Dedicano parte del loro tempo a questo semplicemente perché credono nell’educazione aperta a tutti (vengono pagati certo, ma hanno giá un lavoro di giorno). Inoltre vorrei aggiungere che l’atmosfera é di solito favolosa sia per gli studenti che per i professori. Per il lavoro queste lauree sono pienamente riconosciute anzi tanti le ritengono interessanti in un curriculum un conto é andare all’universitá a 18 anni, pagati dai genitori, un conto é andarci a 30 con un lavoro full time. Mostra una certa determinazione e ambizione che agli employers di solito non spiace proprio. Questo é il mio primo articolo, spero che non mi diate un voto basso se no mi scoraggio. Scritto da: sabrina

admin

Autore per pagine generiche e di informazione

5 Commenti

    • lo sono in tutto il mondo e sono lauree solide tanto quanto normali università in cemento e mattoni con un pro’, solitamente partecipano persone che lavorano, il che viene visto con occhio ancora più positivo.

    • lo sono in tutto il mondo e sono lauree solide tanto quanto normali università in cemento e mattoni con un pro’, solitamente partecipano persone che lavorano, il che viene visto con occhio ancora più positivo.

Commenta