Super Saturday, il giorno della riapertura dei pub in Inghilterra

Super saturday

Il 4 luglio è stato soprannominato Super Saturday, il giorno della riapertura dei pub in Inghilterra (ancora non in Scozia o Galles).

Certi giornali e persino il Ministero del Tesoro (in un tweet poi cancellato) hanno incoraggiato la gente ad uscire a festeggiare. Ma non tutti sono contenti. Gli ospedali e la polizia sono in stand by, aspettandosi problemi causati da persone molto ubriache.

Bisogna ricordare che le distanze di sicurezza si sono abbassate da due metri a un metro e non esiste l’obbligo di indossare mascherine. 

Ma la paura maggiore viene dal fatto che dopo un paio di pinte la gente si dimentica di osservare certe precauzioni.  Diversi esperti hanno espresso la preoccupazione che il Super Saturday potrebbe essere l’inizio di una nuova ondata.

Boris Johnson farà un breve discorso chiedendo alla gente di controllarsi e comportarsi bene. Ha ripetuto diverse volte che non vuole mettere imposizioni e che crede nel ‘senno britannico’. Se il senno britannico rimane dopo qualche birra è tutto da dimostrare.

Paure e perplessità sul Super Saturday

Altri dubbi sono per esempio riguardo il lockdown di Leicester che non impedisce alle persone di andare altrove. Si, i pub saranno chiusi domani sera a Leicester, ma chiunque chi abiti può prendere la macchina e recarsi a Nottingham o altrove e potenzialmente portare il virus in giro.

In ogni caso tutti i locali dovrebbero chiedere i dettagli e numeri di telefono di tutti i clienti da domani in poi. Questo dovrebbe aiutare a rintracciare le persone che erano in quel locale se ci fossero delle infezioni, ma questo non è obbligatorio e un cliente può rifiutarsi di dare i suoi dati e deve essere servito comunque.  I dati verranno tenuti per 21 giorni.

Leggi anche:

(Si apre in una nuova scheda del browser)Focolaio di COVID a Leicester e pericolo di una seconda ondata(Si apre in una nuova scheda del browser)

Beaconsfield, un altro villaggio medievale appena fuori Londra

rapporto

Scritto da Daniela Mizzi

Nel Regno Unito dal 1991, grande viaggiatrice e amante dell'avventura. Lavorato in diversi settori dall'amministrazione al settore pubblicitario.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Ufficiale: non dovete fare quarantena per entrare in Inghilterra da questi paesi

Ian McKellen

Gandalf comincia raccolta di fondi per i lavoratori teatrali