Tra 10 giorni parto per Londra!

Tra 10 giorni parto per Londra!
Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su pinterest
Pinterest

Cerchiamo di dare la parola a tutti e pubblichiamo anche esperienze completamente diverse dalle nostre. Queste testimonianze riflettono solo l’esperienza ed opinione di chi l’ha scritta Se vuoi anche tu aggiungere la tua testimonianza puoi farlo compilando il modulo qui sotto. Ci riserviamo il diritto di non pubblicare testimonianze. Se decidi di condividere la tua esperienza puoi anche scegliere di inviare una tua foto che sarà pubblicata nel tuo articolo, troverai il modulino per caricare la tua foto qui sotto. Inviando il modulo qui sotto acconsenti a pubblicare la tua testimonianza su questo sito

case di londraOrmai i giorni sono pochi, sono ufficialmente quasi in partenza.

Le paure sono tante e i dubbi ancora non vogliono sparire, ho momenti di forte ottimismo e momenti quando penso di stare per fare uno sbaglio.

Mi direte ma è solo Londra, se va male si compra un biglietto di ritorno e non succede niente.

Non è proprio così, partire per emigrare in questo modo vuol anche dire mettere alla prova se stessi e dover ritornare dopo 2 mesi vorrebbe dire ammettere un fallimento per diversi aspetti.

Sto partendo informato e non ho grandi illusioni di grandezza. Sono anche consapevole che ci vuole anche un po’ di fortuna ma che tutti noi ci creiamo anche la nostra fortuna. Non sono stato con le mani in mano, ho letto chilomentri di parole su Londra, mi sono fatto volontario a partecipare a diversi siti web (come questo) per mettere questa esperienza sul mio curriculum, dedico ore al giorno allo studio dell’inglese.

Leggendo altri chilometri di esperienze di italiani che sono partiti per Londra ci sono alcuni aspetti che sono praticamente comuni a tutti. Londra è competitiva, si deve nuotare subito o si affonda. Le persone decise e preparate sembrano mettersi a nuotare quasi subito ed è bello leggere le loro esperienze e la loro gioia dopo tante delusioni in Italia. I meno preparati spesso aspettano una nave al porto che non approda mai, vivacchiano e si lamentano, non avendo capito che un fallimento a Londra non è il fallimento di Londra ma un fallimento personale. Il fallimento di non essere riusciti a competere a volte per ignoranza altre volte per arroganza.  Per questo motivo sono nervoso, sto per mettere alla prova la mia capacità di competere e di riuscire a sopravvivere in un mondo forse un po’ crudele e un po’ ingiusto. Se non riesco a farlo a Londra, città spietata ma aperta a tutti,  avrei dubbi sulle mie capacità reali di affrontare il mondo e l’economia attuale.

Sono momenti di riflessioni personali in attesa del 12 luglio 2014, il giorno quando partirò per Londra.

close

🕶 Rilassati!

Iscriviti per ricevere le nostre ultime notizie direttamente nella tua casella di posta.

Non ti invieremo mai spam né condivideremo il tuo indirizzo email.
Scopri di più nella nostra Informativa sulla privacy.

Commenta

Un'esperienza italiana nel Regno Unito

I’m a Doctor & I Love my Job.

summer
"Qua abbiamo la meritocrazia che premia solo i migliori"
“Si viene qua per fare meglio dell’Italia mai peggio o uguale”
"Si viene qua per fare meglio dell’Italia mai peggio o uguale"
“Mai e poi mai ritornerei in Italia”
"Mai e poi mai ritornerei in Italia"
- Unknow (10)
Siamo fortunati e onorati di essere stati accettati
Youre-awesome-2-768x384
"Non ci deporteranno ma ci metteranno nella posizione di dover andarcene"
“Dovrete mostrare di essere meglio degli altri”
"Dovrete mostrare di essere meglio degli altri"
a voi la parola
Antonio scrive che Londra è la città migliore del paese migliore al mondo
regno
"Il Regno Unito ha ancora da offrire molto, anche oltre il lavoro"
Che lavoro fanno gli italiani in UK?
Che lavoro fanno gli italiani in UK?
“Non potete essere uno dei tanti “
"Non potete essere uno dei tanti "
Ultime reazioni
Torna su