Marco scrive che a Londra si vive come si vuole vivere

Questo è un articolo inviato da un ospite, non riflette necessariamente le nostre opinioni.

Quando sei venuto/a a Londra/Regno Unito?

Nel 2015

Come hai cercato una sistemazione fissa e hai avuto problemi?

Non ho mai avuto grossi problemi, bisogna sempre seguire le regole. Se si affitta a nero senza contratto legale, si rischia sempre di imbarcarsi in truffe. I padroni di casa onesti seguono la legge, chi non fa probabilmente tanto onesto non lo è perché é anche un modo per non pagare le tasse.

Come hai cercato lavoro?
Agenzie e internet

 Quanto tempo ci hai messo a trovare il tuo primo lavoro?

3 giorni

Quale e’ stato il tuo primo lavoro? E che lavoro stai facendo adesso?
Un lavoro breve di tre settimane di ricerche di mercato ma mi ha dato il tempo di fare il nino e rompere il ghiaccio. Ora lavoro nel digitale per un’agenzia di ecommerce chiave in mano

Che tipo di esperienza di lavoro o titoli di studio avevi all’arrivo?
Lavoravo sempre in questo settore digitale ma purtroppo in Italia era dura emergere e fare carriera

Come era il tuo inglese scritto e parlato al tuo arrivo?

Molto buono

Come definiresti la tua esperienza a Londra/Regno Unito fino ad ora? E per quali motivi?

Direi molto buona, senza alcun dubbio. Anni luce di differenza con l’Italia nel mondo del lavoro. A Londra non manca niente, si vive come si vuole vivere. Gli affitti sono costosi è vero ma ho preferito andare per un appartamento non arredato, ho i mobili miei e pago meno di affitto. Spero di poter comprare qualcosa entro fine anno prossimo. Per ogni problema esiste una soluzione, se si vuole trovarla…

Consiglieresti ad altri di partire per Londra/Regno Unito e per quali motivi?
Sicruamente se hanno idee chiare, voglia di mettersi alla prova e capacità di adattamento. I frignoni immaturi che si aspettano il tappetino rosso, dovrebbero rimanere in Italia. Devono avere il coraggio di mettersi in gioco. Tutto dipende dalle nostre scelte che è la cosa che mi piace di più. Vuoi fare l’emarginato? Affitta una camera da italiani in nero, frequenti solo italiani. Vuoi invece viverti Londra al massimo? fai le tue scelte, segui i tuo sogni e desideri, non desistere e troverai ciò che cerchi.

 Potresti dare due consigli utili a chi deve ancora partire?

L’inglese deve essere buono/ottimo, capacità di adattarsi deve essere alta. Tanta voglia di mettersi in gioco. Partite col piede giusto e non avrete problemi.

 

 

 

Cerchiamo di dare la parola a tutti e pubblichiamo anche esperienze completamente diverse dalle nostre. Queste testimonianze riflettono solo l’esperienza ed opinione di chi l’ha scritta Se vuoi anche tu aggiungere la tua testimonianza puoi farlo compilando il modulo qui sotto. Ci riserviamo il diritto di non pubblicare testimonianze. Se decidi di condividere la tua esperienza puoi anche scegliere di inviare una tua foto che sarà pubblicata nel tuo articolo, troverai il modulino per caricare la tua foto qui sotto. Inviando il modulo qui sotto acconsenti a pubblicare la tua testimonianza su questo sito

close

🕶 Rilassati!

Iscriviti per ricevere le nostre ultime notizie direttamente nella tua casella di posta.

Non ti invieremo mai spam né condivideremo il tuo indirizzo email.
Scopri di più nella nostra Informativa sulla privacy.

Commenta

Partecipa anche tu!

Col tuo nome vero o anonimo, dal PC o dal cellulare, racconta la tua esperienza o condividi ciò che hai fatto.
- Unknow (1)
Emanuela racconta la sua esperienza da OSS in Inghilterra
- Unknow (8)
Rino, head chef a Londra, ha cucinato anche per Tim Burton
- Unknow (6)
Manager italiano dice che la meritocrazia offre soddisfazioni infinite
- Unknow (19)
Giorgia lavora in un hotel e dice di essersi adattata
Untitled design (10)
Andrea afferma che non esiste crisi COVID-19 in Gran Bretagna
- Unknow (14)
Lettore sconsiglia di venire ora nel Regno Unito senza un lavoro
a voi la parola
Gaia scrive che a Londra si vive e lavora bene
un'italiana a Londra (6)
"Italiani in Gran Bretagna dobbiamo fare qualcosa ora"
Young writer typing
Sezione del sito aperta a tutti, a voi la parola
a voi la parola (3)
Testimonianza di Valeria che lavora nelle risorse umane a Londra
Torna su