Una breve storia dello street food di Londra

Spesso si legge della moda o addirittura dell’invenzione dello Street Food o cibo da strada, come se fosse stato inventato ieri. Indubbiamente ora a Londra c’è la passione per lo street food, con tanti eventi e festival dedicati praticamente solo a quello con la musica dal vivo in secondo piano.

Il cibo di strada o street food fa parte della vita londinese da secoli. Nel periodo vittoriano, i vicoli acciottolati e le affollate strade della città pullulavano di venditori ambulanti che vendevano di tutto: pesce fritto e zuppa di piselli, patate al forno e dolcetti, arance (che allora erano un frutto esotico) sottaceti. Le anguille erano le preferite, pescate fresche nel Tamigi, spesso scuoiate vive davanti ai clienti e servite calde e fumanti. 

L’industria del cibo di strada a Londra si è evoluta con i cambiamenti nella tecnologia e l’aumento del commercio in tutto il mondo. Tuttavia, ha sempre fatto parte della cultura londinese e continuerà ad esserlo per molti altri anni a venire. Ora la scelta è aumentata, non ci sono solo anguille, ma piatti da tutto il mondo. 

La storia culinaria della città è stata in gran parte determinata dall’offerta dei venditori ambulanti, che da secoli sono parte integrante del panorama culturale. Il cibo di strada a Londra era tradizionalmente una fonte affidabile di sostentamento per coloro che altrimenti non potevano permettersi di mangiare bene. In tempi di difficoltà e crisi, questi venditori sarebbero spesso gli unici per le strade e dovrebbero accontentarsi di tutto ciò che avevano a disposizione in quel momento. Era un modo veloce ed economico di mangiare. 

Dopo la seconda guerra mondiale ci fu un calo di street food, se non i furgoni di gelato dalle musichette ossessionanti, venditori di hamburger secchi o salsicce orribili e poco altro. Il rischio era quello di prendersi qualche intossicazione da cibo. 

 

Una ventina di anni fa hanno cominciato a riscoprire il cibo da strada, cominciando da cose come kebab per esempio,  e a differenza di un tempo non ci si deve limitare a mandare cibo di quarta categoria. La causa è stata principalmente il fatto che gli affitti a Londra sono ridicoli e che per aprire un ristorante bisogna avere un grosso capitale. Cosa che molti giovani non hanno, ma possono avere la passione e l’iniziativa e con relativamente pochi soldi si può iniziare a vendere street food. Con il fatto che a Londra si trova tutto il mondo, la scelta gastronomica è enorme.  Dai panzerotti ai bao di Taiwan, dal cibo delle Hawai a quello del Marocco, ora possiamo mangiare di tutto

Molte di queste bancarelle operano in mercati dedicati al cibo di strada, come Dinerama a Dalston o anche il Borough Market o il Maltby Street market, Boxpark, Camden Market o Brixton Village.  Oppure i tanti brevi festival ed eventi dove si trova una scelta di street food.  Questi posti offrono una opportunità a giovani talentuosi, che non hanno i soldi per aprire i propri ristoranti, o forse vogliono più libertà di sperimentare: una piattaforma da cui condividere il proprio cibo  e iniziare la loro carriera. Molti dei piatti migliori e più all’avanguardia di Londra si trovano ora in una scatola di polistirolo o di cartone, mangiati con una forchetta di plastica..

 

Marina Ricci
Lavorato a Londra, Edimburgo e Bristol per i new media ed editoria. Due bimbi e un gatto.

Commenta

You may also like