Una lettrice racconta la sua esperienza negativa a Londra

italiani
Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su pinterest
Pinterest

Cerchiamo di dare la parola a tutti e pubblichiamo anche esperienze completamente diverse dalle nostre. Queste testimonianze riflettono solo l’esperienza ed opinione di chi l’ha scritta Se vuoi anche tu aggiungere la tua testimonianza puoi farlo compilando il modulo qui sotto. Ci riserviamo il diritto di non pubblicare testimonianze. Se decidi di condividere la tua esperienza puoi anche scegliere di inviare una tua foto che sarà pubblicata nel tuo articolo, troverai il modulino per caricare la tua foto qui sotto. Inviando il modulo qui sotto acconsenti a pubblicare la tua testimonianza su questo sito

Quando sei venuto/a a Londra/Regno Unito? 
2019
 
Come hai cercato una sistemazione fissa e hai avuto problemi? 
I primi giorni ero in una stanza tramite airbnb e poi la stanza ufficiale l’ho trovata cercando online
 
Come hai cercato lavoro
Tramite un contatto che avevo, cercavano una barista, uno dei lavori che gli inglesi non fanno.
 
Quanto tempo ci hai messo a trovare il tuo primo lavoro? 
Subito
 
Che tipo di esperienza di lavoro o titoli di studio avevi all’arrivo? 
Diploma, zero esperienze
 
Come era il tuo inglese scritto e parlato al tuo arrivo? 
Scolastico, ma essendo passati anni era piuttosto basso
 
Quale e’ stato il tuo primo lavoro? E che lavoro stai facendo adesso? 
Barista, licenziata causa pandemia
 
Come definiresti la tua esperienza a Londra/Regno Unito fino ad ora? E per quali motivi? 
Sono partita con delle belle speranze, speranza di imparare la lingua e di trovare amici… ma ho scelto il posto di lavoro sbagliato con solo italiani che si sentivano iniziati e altezzosi quindi zero amici. Mi è rimasta solo l’amarezza e un conto in banca più povero di quando son partita.
 
Consiglieresti ad altri di partire per Londra/Regno Unito e per quali motivi? 
No, se volete migliorare l’inglese preferite altre destinazioni, come farò io nel futuro. Londra per come la vedo io può essere al massimo una destinazione provvisoria, solo se dall’italia vi offrono un lavoro qui e già sapendo la lingua molto bene.
 
Potresti dare due consigli utili a chi deve ancora partire? 
Confermo di non partire da soli soprattutto se femmine, consiglio di guardare i siti del lavoro e informarsi quanto paga l’azienda prima di mandare cv a caso. Gli affitti sono molto cari, hai solo una stanza, zero spazio, le case non sono safe, i lavori all’interno come tubature, riscaldamento, muffa e altro sembrano stati fatti da bambini dell’asilo. La gente è estremamente sporca, non mi stupisco che il covid qui sia peggiorato. Gli inglesi sono permalosi e nevrotici, se sbagli una cosa ti ammazzano di parole, e quindi si confermo sono razzisti. Se vedono che sei in difficoltà con la lingua quasi nessuno si impegna minimamente ad aiutarti, ma anzi, ti ridono in faccia. Per concludere, è difficile far amicizia, le persone pensano solo a lavorare e ubriacarsi/drogarsi. Qui siamo una macchina di montaggio, un numero. Tra un mese lascerò

Puoi anche tu raccontare la tua esperienza nel Regno Unito, la tua opinione, segnalare qualche evento o qualcosa che potrebbe interessare altri italiani. 

Partecipa anche tu!

Rispondi

Commenti recenti
I più venduti

Ultimo aggiornamento 2022-01-28 / Link di affiliazione / Immagini da Amazon Product Advertising API

ultime notizie
Simona da Londra ci racconta come sta vivendo la crisi del coronavirus
italiani
Angelica scrive che venire a Londra è stata la fine di un incubo
Beautiful girl using laptop in airport
Settled Status, ancora tanti italiani non sanno che devono farlo
un'italiana a Londra
"Lavoro 70 ore alla settimana e ne sono fiera"
italiani
Esperienze di italiani che lavorano in IT a Londra e Gran Bretagna
italiani
Mauro scrive che l'Inghilterra è un modello da seguire
italiani
Besmir è elettricista a Londra e racconta la sua esperienza
- Unknow (2)
Londra: "le case sono pietose e tutti pensano soltanto ad arricchirsi"
21984186_woman-facing-bureaucracy (1)
Assumere personale straniero a Londra è un incubo burocratico
italiani
"Le opportunità ci sono ma nessuno regala niente"
Torna su