down house

La casa di Charles Darwin è un altro posto a Londra che vale la pena visitare, anche se non conosciuta da molti turisti. Questo posto si trova tecnicamente sia a Londra che in Kent, il sito ufficiale è qui.

Nel cuore di Downe, nel London Borough di Bromley, sorge un’importante dimora storica conosciuta come la Down House. Questa casa non è solo un edificio di grande valore architettonico, ma è stata anche la residenza del famoso naturalista inglese Charles Darwin e della sua famiglia.

Ubicazione e Storia di Down House Situata in Luxted Road, Downe, Orpington, BR6 7JT, la Down House si trova ad un quarto di miglio a sud di Downe, un villaggio situato a 23 km a sud-est di Charing Cross a Londra. Acquistata nel 1842, Darwin vi visse per ben 40 anni, ed è qui che ha elaborato la sua rivoluzionaria teoria dell’evoluzione per selezione naturale.

Le Caratteristiche della Casa La Down House, un edificio del 18° secolo classificato come Grade I, sorge su quello che si pensa fosse il sito di una casa del 17° secolo. A testimonianza del suo inestimabile valore storico e culturale, nel 1996, l’English Heritage l’ha acquisita con l’aiuto di un finanziamento dal Wellcome Trust. Grazie ai fondi raccolti dal Natural History Museum e al contributo del Heritage Lottery Fund, la casa è stata restaurata e riaperta al pubblico nel 1998.

A Down House si possono vedere molte cose interessanti relative alla vita e al lavoro di Charles Darwin. Ecco alcune delle cose che puoi vedere a Down House:

Studio di Darwin: I visitatori possono vedere lo studio in cui Darwin ha lavorato e scritto molti dei suoi libri, compreso “Sull’origine delle specie”.

Camera da letto di Charles e Emma: I visitatori possono vedere la camera da letto in cui dormivano Charles ed Emma Darwin.

Giardini di Darwin: I visitatori possono esplorare i giardini in cui Darwin ha condotto molti dei suoi esperimenti e osservazioni. I giardini sono stati restaurati come apparivano ai tempi di Darwin e includono una serra, un orto e un “sentiero del pensiero” dove Darwin camminava e rifletteva.

Esposizione e Guida Interattiva: I visitatori possono saperne di più sulla vita e sul lavoro di Darwin attraverso una mostra e una guida interattiva.

Il Sandwalk: I visitatori possono camminare lungo il Sandwalk, un sentiero circolare che Darwin utilizzava per esercitarsi e riflettere profondamente.

Scopri la famiglia di Darwin: I visitatori possono conoscere la famiglia di Darwin e la loro vita a Down House.

Queste sono solo alcune delle cose che si possono vedere e fare a Down House. I visitatori possono anche vedere molti oggetti originali e campioni legati al lavoro di Darwin, compreso il suo microscopio e la sua collezione di fossili e minerali.

La Vita di Darwin a Down House Charles Darwin si trasferì a Down House nel 1842 con sua moglie Emma e i loro figli. Qui, lontano dal trambusto della città, Darwin poteva dedicarsi alle sue ricerche e osservazioni, usando il giardino come suo “laboratorio all’aperto”. La sua curiosità insaziabile lo portò a condurre numerosi esperimenti in giardino, dall’osservazione del comportamento delle piante alla luce e alla gravità, alla comprensione della pollinazione e dell’evoluzione delle piante. Darwin, con la sua meticolosità, ha mantenuto dettagliate note sulle sue osservazioni che sono diventate la base per la sua teoria dell’evoluzione.

Esperimenti nel Giardino di Down House Nel suo “laboratorio all’aperto”, Darwin ha condotto sperimentazioni che hanno rivoluzionato il nostro modo di vedere il mondo naturale. Si interessò al movimento delle piante, osservando come le foglie giovani crescono in risposta alla luce. Studiò anche la circumnutazione dei fusti delle piante. Fu affascinato dal processo di pollinazione, osservando le api e altri insetti nel suo giardino. E non solo, studiò l’evoluzione delle piante, coltivando diverse specie nel suo giardino e osservando come si adattavano al loro ambiente nel tempo. La sua curiosità lo portò anche a studiare i lombrichi, analizzando il loro ruolo nella fertilità del suolo.

By admin

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Optimized with PageSpeed Ninja