Il quartiere di Gospel Oak si trova tra Hampstead e Kentish Town nel nord di Londra e fa parte del borough di Camden.   Il nome deriva da un’usanza che si teneva tre giorni prima il ​​Giorno dell’Ascensione che includeva unla lettura del Vangelo sotto una grande quercia. Questa quercia esisteva veramente e si trovava probabilmente sul lato est di Southampton Road ma è sparita da circa 200 anni. Si dice che John Wesley che era il fondatore dei Metodismo, usasse predicare sotto questa quercia.

Foto: © Copyright Julian Osley and licensed for reuse under this Creative Commons Licence.

Fino al 1800 Gospel Oak era una zona di pascoli e campi irrigati da un affluente del fiume Fleet. Alla fine del 1700 furono costruiti diversi edifici inclusa una scuola. Tutti i terreni della zona appartenevano a tre famiglie: i Mansfield, i Southampton e i Lismore, ora li vedete ancora nei nomi delle strade del quartiere.

La strana chiesa di St Martin

Con l’arrivo della ferrovia tutto cambiò in questa zona come in tante altre di Londra, furono costruite molte case ma a differenza di altri quartieri che erano per le residenze di persone che lavoravano negli uffici e banche Gospel Oak era una zona per i lavoratori più umili.

Foto: © Copyright Julian Osley and licensed for reuse under this Creative Commons Licence.

Le case furono fatte prevalentemente con i mattoni fatti con la terra dei campi del quartiere, quindi da una parte costruivano e dall’altra scavano per trovare il materiale. L’ultimo edificio costruito con i mattoni dei campi del posto era la piccola chiesa di Lisburne Road che fu demolita nel 1971.

Dopo il 1880 la costruzione delle case si estese anche nelle parti fino ad ora trascurate e le case furono per lavoratori manuali ma più specializzati. Ma ora di tutto questo rimane poco, in parte la zona fu bombardata durante la Seconda Guerra Mondiale e di quello rimasto molto fu demolito dopo la guerra. Rimane ancora Oak Village e due chiese: All Hallows e St Martin, entrambi interessanti e rappresentative del periodo vittoriano.

 

Commenta