consonanti in inglese

Le consonanti in inglese

La differenza tra il numero di lettere e di suoni in inglese è molto meno drammatica nel caso delle vocali che nel caso delle consonanti.Ci sono 21 consonanti nell’alfabeto scritto (B, C, D, F, G, H, J, K, L, M, N, P, Q, R, S, T, V W, X, Y, Z). La lingua inglese utilizza 24 suoni di consonanti e 24 vocali (incluse 12 vocali pure, 10 dittonghi e due trittonghi).

Gli altri tre suoni non indicati da una lettera sola sono /θ/ ovvero TH trovato in parole come thing, /ð/ sempre TH che si trova in parole come this, /ʃ/ ovvero SH che si trova in parole come ship o shape, quello che in italiano è SC seguito da I o E come in sciare. Una altro suono meno comune è simile alla g francese e si trova in parole come beige o leisure, non ha un gruppo di lettere che lo indica come potete vedere.

Per il resto, tranne che in certi dialetti, i suoni delle consonanti sono sempre uguali, a differenza dei suoni delle vocali. Certo possono essere leggermente diversi dalle consonanti italiane, per esempio P e B richiedono maggiore pressione sulle labbra e la L ha un suono leggermente diverso. Per pronunciare la lettera L la punta della lingua è posizionata contro il centro della cresta del dente. Il suono viene creato quando l’aria viaggia lungo la punta della lingua, tra la parte anteriore della lingua e i denti laterali.

La R poi varia da regione a regione. In genere però in molte parti del Regno Unito la R si pronuncia solo se seguita da vocale, mentre negli Stati Uniti e altre regioni si pronuncia sempre.

Ci sono casi quando non tutte le consonanti si pronunciano, sono spesso nomi di posti o cognomi e purtroppo bisogna ricordarseli, non esistono regole precise. Esempi possono essere Norwich o Southwark, o Cholmondeley che è pronunciato Chumley. 

#AnteprimaProdottoVotoPrezzo
1 Say it right. Guida alla vera pronuncia inglese Say it right. Guida alla vera pronuncia inglese Nessuna recensione 18,00 EUR 17,10 EUR

Le consonanti più comuni nella lingua inglese sono N, T e D.

La difficoltà di trascrivere il parlato è quindi meno grave, poiché alla maggior parte dei simboli scritti possono essere assegnati valori fonetici individuali e la trascrizione risultante appare quindi molto più immediatamente leggibile di quella delle vocali.Tuttavia, a causa della storia irregolare dell’ortografia inglese, non esiste una chiara correlazione uno a uno tra lettere e suoni.

Tutte le consonanti inglesi sono prodotte dal movimento dell’aria dai polmoni verso l’esterno (in contrasto con alcune consonanti in altre lingue, che sono prodotte dal movimento dell’aria dalla bocca).

La produzione di una consonante comporta il restringimento del tratto vocale in un punto, ovvero una costrizione. Quale consonante stai pronunciando dipende da dove si trova la costrizione nel tratto vocale e da quanto è stretta. Dipende anche da alcune altre cose, ad esempio se le corde vocali stanno vibrando e se l’aria scorre attraverso il naso.

Alla fine del 1800, un gruppo di linguisti britannici e francesi inventò l’alfabeto fonetico internazionale (IPA), un sistema che identifica in modo univoco tutti i suoni, o fonemi, usati nelle lingue umane.

Ogni suono è rappresentato da un singolo simbolo e, al contrario, ogni simbolo rappresenta un singolo suono. I linguisti sostenevano che l’ortografia inglese fosse riformata, utilizzando un alfabeto fonetico per rappresentare l’esatta pronuncia delle parole. Non un compito facile e non ci sono mai riusciti perfettamente.

Una consonante è un suono in cui la voce o il flusso del respiro viene interrotto o impedito durante la produzione. Le consonanti possono essere sia sonore che sorde. Se le corde vocali vibrano durante la produzione, la consonante è sonora e se non vibrano, la consonante è sorda. Tutte le consonanti sono formate utilizzando due dei sette articolatori (le labbra, la punta della lingua, il centro della lingua, il dorso della lingua, la cresta alveolare, il palato duro e il palato molle) toccando o in prossimità l’uno all’altro.

Le consonanti possono essere suddivise in sei categorie principali: esplosive stop, nasali, laterali, fricative, planate e affricate. Ognuno di questi prende il nome dal modo in cui il flusso del respiro, o voce, viene impedito o interrotto durante la produzione del suono.

La maggior parte delle consonanti può trovarsi nella posizione iniziale, mediale e finale delle parole. Parleremo poi di come si pronunciano tutte le lettere in schede individuali.

Ultimo aggiornamento 2022-06-27 / Link di affiliazione / Immagini da Amazon Product Advertising API

Rispondi

Torna su