Spencer House a Londra, la casa di famiglia di Diana

Spencer House è stata uno dei primi esempi londinesi dello stile neoclassico che avrebbe invaso il paese, ed è uno degli ultimi rimasti dei tanti palazzi privati che un tempo adornavano il centro di Londra.

La casa fu commissionata nel 1756 da John Spencer, I conte Spencer, poiché aveva bisogno di una grande residenza a Londra per aumentare la sua posizione e il suo status. L’architetto che scelse fu John Vardy, che studiò con William Kent. Vardy è responsabile della facciata del palazzo che vediamo oggi. Senza dubbio è uno dei migliori esempi londinesi di dimora palladiana, concepita come vetrina del design classico, ma era anche pensata per il piacere, e il tema festivo che attraversa la decorazione delle numerose sale di rappresentanza offre un piacere visivo.

Foto: © Copyright Anthony O’Neil and licensed for reuse under this Creative Commons Licence.

È una splendida dimora aristocratica del XVIII secolo, riccamente arredata con dipinti d’epoca , oggetti d’arte e mobili, con alcune delle sale di rappresentanza aperte al pubblico.

La famiglia Spencer occupò la villa ininterrottamente fino al 1895, quando la casa fu affittata. Gli Spencer tornarono per un breve periodo durante il primo quarto del secolo scorso, dopodiché la casa fu affittata più volte come club o uffici.

Spencer House rimane di proprietà dei Conti Spencer, l’attuale titolare è Charles Spencer, 9° Conte Spencer, fratello di Diana, Principessa del Galles. Tuttavia, dalla seconda guerra mondiale, la casa è stata continuamente affittata. Potete visitarla solo con un gruppo organizzato, se interessati  trovate tutte le istruzioni qui. Dovete solo scegliere una data nel calendario e comprare il biglietto.

Rispondi

Torna su