Le poesie tristi di Emily Brontë

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su pinterest
Pinterest

Emily Jane Bronte non ha scritto le sue poesie per la pubblicazione. Contenevano i suoi pensieri privati ​​e le sue emozioni destinate a se stessa. Charlotte scoprì le poesie e la convinse a sottoporle per la pubblicazione, in un libro contenente il lavoro di tutte e tre le sorelle Bronte, utilizzando gli pseudonimi maschili di Currer, Ellis e Acton Bell.

Le sue poesie sono una lettura dolorosa, riflettendo l’amore, la perdita e il dolore che ha sperimentato nella sua giovane vita. In una poesia, Emily decide che la vita le è passata accanto e dice che non ha amici. “Senza amici dopo diciotto anni, solitaria come il giorno della mia nascita” Purtroppo le sue due sorelle maggiori Maria ed Elisabetta giacevano sepolte nel cimitero, su cui si affacciava la sua camera da letto.

Erano morte di tubercolosi dopo essere stato mandate a scuola. Anche sua madre fu sepolta lì. Emily ha detto che nascondeva bene questi sentimenti tristi “Con quello sguardo dolce e il tono vivace e gli occhi luminosi che brillano tutto il giorno, non potevano indovinare a mezzanotte sola, come piangerebbe il tempo.”

Emily non ha mai voluto lasciare casa e ha dovuto tornare dal Belgio, dove andava per le lezioni con Charlotte, a causa della nostalgia. Alla canonica si dava da fare per aiutare il domestico di famiglia Tabby nelle faccende domestiche e passeggiare per i Moors con il suo cane Keeper. Segretamente c’erano le poesie che stava scrivendo, che sebbene non potesse saperlo, le assicurarono un posto nella letteratura inglese.

Questo era ancora prima della pubblicazione del suo romanzo Wuthering Heights in 1847. Le poesie furono pubblicate in 1846, tre anni prima della sua morte, all’età di trent’anni in 1848 .

Il suo amore per la brughiera e la sua casa è espresso nella sua poesia “La campanula è il fiore più dolce, che ondeggia nell’aria estiva” e Ma ciò che diavolo è la metà così caro, Quindi desiderato come il focolare di casa “

Nonostante questi profondi attaccamenti, le poesie di Emily hanno sfumature oscure. Dice “Il sonno non mi porta pace, Le ombre dei morti, I miei occhi da svegli potrebbero non vedere mai, Circonda il mio letto” Nella poesia “Il filosofo” desidera ardentemente un segno “Se avessi visto il suo glorioso occhio UNA VOLTA nuvole che mi rendono più selvaggio, non avevo mai sollevato questo grido di codardi, per smettere di pensare e cessare di essere ”A questo punto Emily potrebbe aver avuto un’idea suicida. Certamente desidera ardentemente che la morte metta fine alle sue sofferenze nascoste e si unisca ai suoi cari, che sono sepolti, spesso in profondità nelle tombe coperte di neve nel cimitero. Per fortuna nella poesia Remembrance, Emily sembra voltare pagina e decide di andare avanti con la vita, nonostante la loro perdita, ma teme ancora che i ricordi amorevoli facciano sembrare la vita vuota. Nella poesia “Nessuna anima codarda è mia” Emily dichiara risolutamente la sua fede.

La mia poesia preferita è quella in cui Emily celebra il potere della memoria: –

Tutto zitto e fermo in casa

Senza – tutto vento e pioggia battente

Ma qualcosa mi sussurra in mente

Attraverso la pioggia e il vento lamentoso

Mai più

Mai più? Perché non di nuovo?

La memoria ha potere

Vero come il tuo.

Lascia un commento

Rispondi

Impara l’inglese

Ultimo aggiornamento 2021-12-08 / Link di affiliazione / Immagini da Amazon Product Advertising API

libri di Ian McEwan
I libri di Ian McEwan, autore britannico
Untitled design (50)
I libri in inglese del momento da leggere con una cioccolata calda
ian fleming james bond
Ian Fleming, il creatore di James Bond e la Brexit
grammatica inglese
Ebook gratuiti di grammatica inglese; la super lista per tutti i livelli (anche in .pdf)
chic lit
Chick lit, alcuni dei romanzi principali di questo genere
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: