Il Victoria and Albert Museum (V&A) di Londra è stato a lungo un rifugio per gli amanti dell’arte, della moda e del design. Ora, con l’apertura del V&A Photography Centre, il museo offre una nuova destinazione per gli appassionati di fotografia.

Un Centro Fotografico di Classe Mondiale

L’apertura del V&A Photography Centre nel 2018 è stata una grande conquista per la città di Londra, che ora può vantare uno spazio dedicato esclusivamente alla fotografia. E a partire dal 25 maggio 2023, la seconda parte del centro fotografico aprirà al pubblico, rendendo il V&A Photography Center la più grande collezione fotografica permanente del Regno Unito.

Una Collezione di 200 Anni

La collezione di fotografia del V&A copre due secoli di storia del mezzo, con circa 800.000 oggetti, dal primo dagherrotipo del 1839 fino alle fotografie digitali del XXI secolo. Il centro fotografico sarà suddiviso in sette gallerie dedicate alla storia del mezzo, tra cui una galleria dedicata alla fotografia britannica del XIX secolo e una galleria sulla fotografia contemporanea.

Mostre Temporanee

Il V&A Photography Centre ospiterà anche mostre temporanee di fotografia contemporanea e sperimentale da tutto il mondo. Con due nuove sale dedicate alle esposizioni temporanee, i visitatori avranno la possibilità di esplorare la fotografia più recente e innovativa, accanto alla collezione permanente del museo.

Esplorare la Fotografia

Oltre alle esposizioni, il V&A Photography Centre offrirà anche spazi dedicati all’esplorazione di come si fa, si conserva e si studia la fotografia. Ci saranno anche nuove acquisizioni da parte di fotografi contemporanei come Liz Johnson Artur, Sammy Baloji e Vera Lutter, oltre a nuove commissioni.

L’Importanza della Fotografia

La fotografia ha ridefinito, e continua a definire, il modo in cui vediamo il mondo. Ogni fotografia racconta una storia e, attraverso la sua lente, ci offre un’esperienza condivisa. La collezione del V&A Photography Centre offre un’occasione unica per esplorare la storia della fotografia e per apprezzare l’importanza di questo mezzo artistico.

By admin

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Optimized with PageSpeed Ninja