bagel

Che sarebbe un bagel?

Il pane per la colazione più popolare di New York, il bagel, proviene in realtà dall’Europa orientale. Se hai provato il negozio di bagel che si trova a Brick Lane, saprai che si trovano ottimi bagel anche a Londra

Un bagel è un prodotto del pane originario delle comunità ebraiche della Polonia. È tradizionalmente modellato a mano a forma di anello di pasta di grano lievitato, della dimensione approssimativa di una mano, che viene prima bollito per breve tempo in acqua e poi cotto.

Questo lo sappiamo, o pensiamo di saperlo: i bagel sono menzionati nei documenti della Polonia del 1300. Anche se potrebbe venire dal pretzel, un dolce cinese o persino il tarallo italiano, impossibile saperlo, ma in genere si ritiene sia originario dalle comunità ebraiche in Polonia.

In ogni caso ora il bagel è un cibo decisamente americano, un miscuglio di diverse culture arrivate a Ellis Island, si è affermato come un alimento base locale nella New York ebraica e alla fine, ha raggiunto il resto del mondo.

Un fatto indiscutibile è che, entro la fine del diciannovesimo secolo, si potevano acquistare bagel nelle zone  ebraiche di New York. 

I fornai erano duri con i loro lavoratori: venivano spesso lavorati fino all’esaurimento e non venivano sempre pagati molto bene. I gruppi di panettieri iniziarono a organizzarsi negli anni ’80 dell’Ottocento e pochi anni dopo i panettieri di bagel ebbero il loro primo sindacato.

Nel giro di una generazione, la loro unione era tra le più potenti di New York City. Hanno guadagnato un potere enorme, che li ha portati a guadagnare stipendi più alti di chiunque altro lavoratore nella metropoli. Guadagnavano quei soldi perché fare l’impasto per i bagel era un lavoro pesantissimo, come mischiare il cemento a mano.

Mentre gli ebrei polacchi venivano ammazzati, il bagel divenne sempre più profondamente radicato nella cultura di New York. Diventò un elemento etnico regionale distintivo. Nel 1954, tuttavia, quello status di nicchia iniziò a cambiare quando un fornaio di New Haven, nel Connecticut, di nome Harry Lender iniziò a conservare i suoi prodotti nel congelatore.

Li faceva con una macchina, che richiedeva un impasto leggermente più morbido per produrre un bagel un po’ soffice, e li ha insaccati, sei alla volta, per la distribuzione al supermercato.

Entro la fine degli anni ’60, i bagel di Lender erano diffusi in Oriente; un decennio dopo, erano nazionali.

I bagel di New York City hanno entrambi i tipi di ciambelle: lo stile e i tipi più duri e concreti sono più difficili da trovare al giorno d’oggi. La varietà morbida è quella che ora si trova comunemente e che troviamo anche nel Regno Unito.

Rispondi

Torna su